Articoli

100 Challenge circuito bodyweight brucia calorie

Se oggi è uno di quei giorni in cui se particolarmente nervosa o arrabbiata, metterti alla prova e scaricare un po’ di eccesso di energia, può essere quello di cui hai bisogno. Il  circuito bodyweight 100 Challenge può essere eseguito anche a casa, o in un parco, l’importante è che tu abbia a disposizione una barra per eseguire i pull up.

Come sempre consigliamo di verificare la propria condizione fisica con un esperto, prima di eseguire qualsiasi tipo di allenamento.

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

100 Challenge circuito bodyweight brucia calorie

100 PULL UP

Atleta: Adele Vicinanza

  • Metti le maniglie della stazione pull-up con i palmi rivolti verso l’esterno e le braccia completamente distese oppure utilizza una barra che ti permetta di posizionarti nella maniera corretta movimento come nell’immagine
  • Le tue mani dovrebbero essere alla distanza delle spalle.
  • Unisci le scapole, espira e guida i gomiti verso i fianchi per portare il mento sopra la barra.
  • Abbassati alla posizione iniziale controllando il movimento.

Se non riesci ancora ad eseguire i pull up leggi qui: 4 suggerimenti per allenare la parte alta del corpo con i pull up  

Gambe toniche e glutei a palloncino con i kettlebell – Video

A seconda di quali siano i tuoi obiettivi, aggiungere carichi quando devi allenare gambe e glutei porta solo vantaggi. In generale aggiungere del peso ti permette di diventare più forte oltre al fatto di rendere l’esercizio più difficile, permettendoti di migliorare con il tempo.

Così come per gli altri esercizi mantenere una forma corretta, permette uno sviluppo muscolare efficace e ti tiene lontana dagli infortuni.

NB: prima di eseguire qualsiasi tipo di allenamento, assicurati di essere nelle condizioni fisiche di poterlo eseguire. 

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

Ecco un video tutorial per gambe toniche e glutei a palloncino con il kettlebell

Singe leg deadlift

  • Piedi divaricati a misura bacino, ginocchia leggermente piegate, solleva leggermente una gamba dal pavimento.
  • Mantieni una posizione neutrale della schiena, e piegati in avanti con un movimento a cerniera, e fai si che il petto sia parallelo al pavimento
  • Fai una breve pausa, strizza i glutei e porta il bacino in avanti per ritornare nella posizione di partenza.

Swing

  • Per eseguire correttamente l’esercizio è necessario attivare il muscolo grande dorsale, portando indietro le spalle e facendo dondolare il kettlebell in mezzo alle gambe.
  • Ovviamente non mandare in ipertensione la parte posteriore delle ginocchia, ma in ogni caso dovresti stendere le ginocchia completamente, facendo leva sulla contrazione dei quadricipiti.
  • Se non pieghi le ginocchia nella fase di swing, durante il quale il peso e tra le gambe leggermente indietro rispetto al corpo, rischi di porre stress inutile e dannoso sui femorali e sui lombari. Piegare le ginocchia ti permette di caricare in maniera corretta i fianchi.
  • Portare indietro il peso, tenendolo quanto più vicino all’inguine, per facilitare il movimento cerniera/deadlift evitando di eseguire uno squat.

Squat

  • Con un movimento rapido e controllato solleva il kettlebell ad altezza petto.
  • Impugnalo con entrambe le mani e una volta posizionata correttamente esegui lo squat
  • Come per l’esecuzione di qualsiasi allenamento con pesi rimani concentrata sul movimento e cerca di non sbilanciarti in avanti.
  • Fai attenzione alla forma

Reverse lunge

  • Con i piedi uniti porta il kettlebell davanti al petto.
  • Una volta raggiunta la posizione porta indietro in affondo la gamba destra.
  • Rimani concentrata sul movimento durante tutta l’esecuzione
  • Riporta la gamba destra in avanti, ritornando in posizione dei partenza.
  • Ripeti il movimento con la gamba sinistra



Come avere un lato B tonico e diminuire la dimensione delle gambe.

Se sei alla ricerca di miracoli e pozioni magiche, sappi che il fitness non ti viene di certo in aiuto: il DNA non lo modifichi.Sebbene le dimensioni delle gambe e del lato B dipendano in larga parte dalla genetica, lavorare sulla perdita totale di massa grassa può aiutarti nel tentativo di sfinare le gambe, e allenare i glutei in maniera appropriata può aiutarti a sviluppare un lato B tonico e a prova di bikini.

L’unica cosa che devi tenere sempre a mente è il fatto di essere realistica nelle aspettative.

La massa grassa in eccesso ti fa sembrare più grossa di quello che in realtà sei. E questa considerazione è valida per tutto il corpo. Siccome è altamente improbabile che tu possa prendere di mira una sola zona del corpo e perdere del grasso in eccesso localizzato, dovrai impegnarti per riequilibrare le proporzioni di massa grassa e massa magra su tutto il corpo.

In questo processo dovrai prestare attenzione a due macro aree:

Alimentazione: Per perdere massa grassa in eccesso devi raggiungere uno stato di deficit calorico. Nota: confidiamo nella tua intelligenza nel prendere quest’informazione come generica, e affrontare con un esperto il percorso in questione, ricordandoti che gli eccessi non vanno mai bene.

In linea generare dovrai sbarazzarti del cibo spazzatura, dolci, bevande gassate e fare il pieno di verdura fresca, frutta, proteine magre e carboidrati dal basso indice glicemico, moderare il consumo di prodotti caseari e introdurre nell’alimentazione grassi buoni a base vegetale.

Allenamento: Che si tratti di saltare la corda, andare in bicicletta, correre, il cardio è un tassello fondamentale del tuo percorso per raggiungere l’obiettivo di perdere grasso in eccesso, al netto di una dieta equilibrata. Abbinarlo poi con allenamenti di resistenza è l’equazione perfetta per per raggiungere il tuo obiettivo: i muscoli hanno una capacità metabolica più alta rispetto al grasso. Più muscoli hai più velocemente il tuo corpo brucia grasso. Anche a riposo. E allenare i muscoli più grandi del corpo come i glutei, di certo è uno step che non puoi saltare.

13 esercizi per un allenamento HIIT efficace

,

Quando esegui un allenamento HIIT efficace, riesci a bruciare calorie e grasso in eccesso nella metà del tempo di un normale allenamento (ma con il doppio della fatica). Come sempre ti consigliamo di eseguire esercizi che siano in linea con il tuo livello di allenamento. Non strafare e ascolta il tuo corpo, e se hai bisogno di un supporto non esitare a rivolgerti ad un esperto.

Ecco 13 esercizi per un allenamento HIIT efficace

Push Push con rilascio delle mani da terra. Inizia nella classica posizione di push up e porta il corpo verso terra. Una volta distesa, solleva i palmi delle mani e riportali immediatamente a terra riportando il corpo verso l’alto.

Source: fitnessmagazine.com

Push Up Plyo. Inizia l’esercizio sempre in posizione push up. Una volta eseguito il movimento verso il basso, nel risalire spingi il corpo verso l’alto in maniera tale da riuscire a sollevare le mani da terra, ritornando poi nella posizione di push up. La versione modificata va eseguita con le ginocchia per terra.

Source: fitneass.com

Russian twist. Seduta sul pavimento, puoi mantenre i talloni appoggiati per terra o leggermente sollevati (dipende dal tuo livello di allenamento). Porta le mani al petto e ruota il busto da destra verso sinistra.

Source: livestrong.com

 

5 cose da sapere sugli squat

Gli squat sono tra gli esercizi più noti per arrotondare, tonificare e sollevare i glutei. Ma ci sono cose da sapere sugli squat, che forse non sai e che addirittura ti faranno amare quest’esercizio ancora di più.

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

5 cose da sapere sugli squat

Puoi allenare diversi gruppi muscolari. A seconda di come posizioni la barra del bilanciere sulle spalle puoi andare a colpire diversi gruppi muscolari. Portare la barra immediatamente al dis otto dei trapezi ti permette di allenare i femorali meglio di qualsiasi leg curl machine. Il peso del bilanciere in posizione leggermente più bassa ti spinge indietro, sollecitando maggiormente i femorali. Leggi anche 3 motivi per allenare i femorali e ottenere il massimo risultato dagli squat

Va bene portare le punte dei piedi verso l’esterno. Se fai caso a coloro che sollevano pesi importanti, c’è un altissima possibilità che i loro piedi siano rivolti verso l’esterno. Attenzione però se le ginocchia sono il tuo punto debole, allena i muscoli in maniera differente.

I glutei vengono attivati in pieno nel punto più basso dello squat. In molte palestre si vedono persone eseguire squat a metà. Se vuoi realmente dare una botta di vita ai tuoi glutei, sarebbe meglio scendere al di sotto del livello delle tue ginocchia. E’ in quel punto che fai lavorare i muscoli giusti. Ovviamente assicurati di poter eseguire il movimento.

Gli squat ti permettono di allenare anche i muscoli della schiena. Prima di eseguire il movimento, attiva i muscoli della schiena, in questa maniera eseguirai il  movimento con maggiore stabilità: impugna in maniera molto decisa la barra, e tienila ben vicina alla schiena, attivando i muscoli come se stessi eseguendo un pull up. L’attivazione del latissimmus dorsi (grand dorsale) è alla base del tuo equilibrio e capacità di sollevare pesi più pesanti. Quindi se ci pensi bene, stai anche allenando la schiena mentre esegui gli squat. Secondo la pubblicazione Sports Medicine, circa 200 muscoli vengono allenati durante l’esecuzione dello squat, se eseguito in maniera corretta. Leggi anche Gambe toniche e glutei a palloncino con i kettlebell – Video

Le scarpe contano quando esegui uno squat. Non che noi donne dobbiamo farci ripetere più di una volta quanto le scarpe siano importanti, e le scarpe da corsa non sono proprio l’ideale. Opta per scarpe piatte o per i piedi nudi. Un suggerimento: molti eseguono squat anche con le converse, che aggiungono un minimo di supporto alle caviglie.



5 cose che devi sapere sugli squat

Avere un corpo scolpito, è la ragione principale per cui ci si approccia all’allenamento in palestra. Ma il pallino di tutte noi rimane sempre riuscire ad avere un Lato B a prova di forza di gravità.

Se i geni, c’entrano e come nel raggiungimento di un certo tipo di risultati, e’ vero anche che ti puoi avvicinare quanto più possibile alle rotondità perfette che tanto desideri, con l’allenamento.

Lilybod leggings clicca per acquistare

Ecco 5 cose che devi sapere sugli squat

Gli squat possono portare a galla dei disequilibri a livello muscolare. Il modo in cui esegui uno squat, può dire molto al tuo allenatore in termini di punti di forza e debolezza. All’apparenza, lo squat, sembra un esercizio di facile esecuzione, ma è ancora più facile da performare in maniera completamente scorretta, anche se sono anni che ti eserciti in questa maniera. Ad esempio, potresti non accorgerti che butti le ginocchia all’interno, o che non usi i fianchi, o che magari ti sporgi troppo in avanti. Come in tutti gli esercizi l’esecuzione è fondamentale, per cui un check con un trainer esperto dovrebbe essere di regola.

Ci sono una miriade di variazioni da provare. La tipologia di squat più comune è senz’altro la bodyweight. Ma ci sono tante altre tipologie di squat che possono aiutare il processo di costruzione di una parte bassa del corpo più forte.

I glutei sono tra i muscoli più grandi del corpo. Se il tuo obiettivo è quello di allenare tutto il corpo, non puoi non coinvolgere i glutei durante l’allenamento. Il gluteus maximus, è il più grande del corpo, ed è anche quello che ti permette di bruciare più calorie.

Lilybod leggings – clicca per acquistare

Eseguire squat, in realtà ti permette di allenare anche la parte centrale del corpo. Di solito quando vuoi allenare gli addominali pensi ai crunch o ai sit ups. Ma uno squat correttamente eseguito, ti forza ad attivare gli addominali per avere maggiore stabilità. I goblet squat, a tal proposito, sono perfetti.

Gli squat non sono l’unico esercizio di cui hai bisogno per allenare i glutei. Contrariamente a quello che si crede, se vuoi ottenere il massimo dall’allenamento per i tuoi glutei, devi necessariamente provare altre tipologie di esercizi come ad esempio gli stacchi.



5 trucchi per eseguire squat perfetti

Gli squat sono tra i migliori esercizi che puoi eseguire per arrotondare e tonificare il tuo lato B. E non è perchè l’estate volge al termine, che puoi tranquillamente stare seduta ed evitare di eseguirli. Come abbiamo sempre ricordato, eseguire squat perfetti è fondamentale per evitare di farsi male ma anche per ottenere i tanto agognati risultati.

Lo squat è un esercizio che in presenza di muscoli troppo tirati e assenza di mobilità delle articolazioni, può inficiare la forma con tutte le conseguenze che conosciamo.

Lilybod Legging e Sport Bra – clicc aper acquistare

Quando esegui gli squat quindi, cerca di prestare attenzione a questi 5 particolari per eseguire squat perfetti

Se ti senti che i piedi si inarchino mentre esegui l’esercizio, il problema potrebbe essere relativo a piedi e caviglie. Se invece riscontri problemi di ampiezza di movimento, potrebbe essere un problema di polpacci troppo tirati. Prova quindi a risolvere il problema utilizzando un foam roller partendo dalla pianta dei piedi, fino ai polpacci.

Come probabilmente già sai, è importante impedire alle ginocchia di spostarsi verso l’interno durante l’esecuzione dell’esercizio. Se questo accade è probabile che gli adduttori non siano propriamente allenati. Se dunque ti trovi in questa situazione, prova ad aumentare l’allenamento laterale con più sessioni durante la settimana.

Lilybod Mali Ultra Jet – Clicca per acquistare

La causa più comune di cattiva esecuzione dell’esercizio, è la mancanza di mobilità di fianchi e caviglie. Per prendere le misure al problema, lo stretching dei flessori dell’anca e polpacci aiuta moltissimo.

L’altezza o meglio la lunghezza della coscia letteralmente ha degli effetti sull’esecuzione del movimento. Avere gambe lunghe richiede una maggiore ampiezza di movimento. Per migliorare questo aspetto, puoi modificare il modo in cui sollevi il carico. Prova uno squat con bilanciere posizionato un po’ più in basso rispetto al solito, diciamo pure all’altezza delle scapole.

Acquista First Base ai Saldi – clicca qui

Alcune persone tendono ad eseguire back squat perché buttano in busto troppo in avanti. Per migliorare da questo punto di vista, esegui squat in maniera progressiva: ad esempio inizia con gli squat box, passa poi ai goblet squat, per finire con i back squat. Potrebbe volerci qualche settimana ma sviluppare l’abitudine di eseguire lo squat nella forma corretta, è il miglior modo per procedere con l’allenamento.



6 motivi per cui non esegui squat efficaci

Tutte sappiamo che gli squat sono i migliori amici delle ragazze, ma se non li esegui in maniera corretta gli squat non sono efficaci.

Lilybod Mali Ultra Jet – clicca per acquistare

Ecco 6 motivi per cui non esegui squat efficaci

Durante l’esecuzione dell’esercizio tendi a tenere le spalle rilassate e troppo indietro. Quello che puoi fare, se questo è il tuo problema, è avvicinare le scapole e attivare gli addominali assumendo una posizione meno dinoccolata.

Le ginocchia tendono ad avvicinarsi durante la fase di discesa. Tenere i piedi ben piantati per terra, può davvero aiutarti se il tuo problema è quello di avvicinare le ginocchia durante l’esecuzione dell’esercizio. Inoltre distribuisci bene il peso del corpo e immagina di avere un pezzo di carta sotto i piedi e di provare a strapparlo senza realmente muovere i piedi.

Non vai mai al di sotto delle tue ginocchia. C’è l’errata convinzione che eseguire squat molto bassi, possa far male alle ginocchia. Se ti sei accertata di non avere problemi alle ginocchia, il movimento può addirittura rinforzare le ginocchia. Prova ad arrivare quanto più in basso ti è possibile rimandando sempre però in controllo del movimento. Soprattutto non dovresti sentire dolore. Se senti dolore è perchè non lo stai eseguendo in maniera corretta.

Esegui squat una sola volta alla settimana. gli squat sono un movimento estremamente efficace, ed eseguirli una volta alla settimana non ti permette di vederne i risultati. Prova ad eseguirli 3 volte a settimana, trovando il giusto equilibrio senza strafare

Le ginocchia spesso superano l’alluce. Quanto più ciò accade, tanto più sforzi le ginocchia. Ginocchia e alluce dovrebbero essere sempre in linea, per questo dovresti prestare molta attenzione durante l’esecuzione del movimento.

Hai provato un solo tipo di squat. Esistono diverse variazioni di squat. Cerca quindi di variare per ottenere il massimo dei risultati. Se in generale gli squat fanno magie per il tuo di dietro, eseguire differenti variazioni apporta ulteriori benefici anche ad altri gruppi muscolari .



Allenamento cardio per bruciare grassi senza attrezzi

Se ti senti un po’ appesantita dalle mangiante degli ultimi giorni, questo allenamento cardio per bruciare grassi senza attrezzi è proprio quello che fa per te.

Legging Lilybod Mali Ultra Jet – clicca per acquistare

Benefici: bruci quanto più grassi possibile senza la necessità di andare in palestra, quindi puoi eseguirlo “comodamente” a casa, al parco, o ovunque tu abbia un minimo di spazio

Come si fa: Esegui 6 ripetizioni per ogni singolo esercizio, nell’ordine suggerito. Ripetilo quote più volte puoi in 3 minuti.
Riposati un minuto. Questo conta come un round. Cerca di eseguire dai 5 ai 10 round.

1. Seal jack: semplicissimo da eseguire, con un salto divarica le gambe e porta le braccia davanti al petto (come in figura), Ritorna in posizione di partenza aprendo le braccia ai lati e chiudendo le gambe. Il tutto in un movimento continuo.

Credits: woman’s health

2. Bodyweight squat: per ulteriori informazioni su come eseguire l’esercizio leggi anche Come eseguire bodyweight squat

Credist: active.com

3. Pushup: per ulteriori informazioni su come eseguire l’esercizio leggi anche Come eseguire un push up efficace

A questo punto dopo aver eseguito il numero di round indicati per il tuo livello di allenamento, dovresti desiderare solo il divano. Ma se proprio vuoi renderti la vita più difficile ecco un altro circuito da provare seguendo lo stesso protocollo.

1. Jumping jack. Questo esercizio lo insegnano alle scuole elementari, ma combinato con gli altri due che seguono non ti sembrerà più un gioco da ragazzi eseguirlo.

Credits: 904fitness.com

2. Squat jump: Leggi anche 6 variazioni di squat per arrotondare il lato B

Source: fitnessmagazine.com

3. Plyo pushup: questo è un movimento avanzato, che presuppone un livello di allenamento elevato. Leggi anche i benefici dell’allenamento pliometrico 

Credits: Anna Victoria



Il trucco numero uno per eseguire squat efficaci

Tutti, chi più chi meno, pensano di eseguire squat efficaci. Sembra un esercizio di banale esecuzione. In realtà l’esercizio è molto più complesso da eseguire di quello che si crede. Ad esempio, quando esegui uno squat, senti gli addominali lavorare?

Se la risposta è no, allora stai eseguendo il movimento nella maniera sbagliata, perchè non stai attivando i gli addominali più profondi e il  muscolo retto dell’addome. Nel caso ti stessi chiedendo cosa fare, in pratica per eseguire squat efficaci o comunque per rimediare ad alcune mancanze in termini di forma dell’esercizio, prova a:

  • portare l’ombelico verso la spina dorsale, soprattutto quando butti fuori l’aria. In questa maniera attiverai il muscolo retto dell’addome.
  • eseguire gli esercizi di Kegel durante lo squat. Spieghiamo meglio: siccome il muscolo retto dell’addome e i muscoli del pavimento pelvico funzionano in tandem, eseguire gli esercizi di Kegel può aiutarti nell’attivazione di questi muscoli. Ti starai chiedendo come fare, scommetto. Molto semplice, immagina di attivare i muscoli esattamente nella stessa maniera in cui lo fai quando devi andare in bagno per urinare.

Puoi provare a testare l’attivazione dei muscoli in questa maniera: Se i muscoli sono correttamente attivati avrai, giusto al di sopra delle ossa dei fianchi, la sensazione che i muscoli del retto addominale siano come irrigiditi. Se non hai la sensazione di avere il totale controllo e l’attivazione necessaria per eseguire correttamente il movimento, non potrai aumentare i carichi.

Molte persone sembrano perdere l’attivazione nella parte finale dell’esecuzione dello squat, quindi come suggerisce Popsugar.com prima di prendere il bilanciere, prova l’esercizio senza peso, e vedi se riesci ad attivare gli addominali per l’intera esecuzione del movimento. In questa maniera, non solo avrai addominali super allenati, ma avrai la possibilità di aumentare il carico durante l’esercizio.