Articoli

7 motivi per provare la pasta Fibregold se vuoi mantenerti in forma e fai sport

I carboidrati sono lo spauracchio di tutte le donne che vogliono rimanere in forma e la pasta  in particolare, emblema dei carboidrati, è croce e delizia per chi ama allenarsi in palestra.

Così come accade per tante altre circostanze, non si può fare di tutta un’erba un fascio. La ricerca scientifica soprattutto in campo alimentare, continua a sfornare scoperte che vanno incontro alle esigenze di salute e stile di vita, ma che fortunatamente tiene conto delle necessità degli sportivi. Se ancora non sei convinta che la pasta debba fare parte del tuo piano alimentare, inizia da una pasta come Fibregold.

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

Ecco 7 motivi per cui dovrei provare la pasta Fibregold se fai sport e vuoi mantenerti in forma.

Contiene un elevato quantitativo di fibre. Chi ha problemi di peso in eccesso, considera le fibre il sacro Graal del dimagrimento. Le proprietà delle fibre vanno dalla capacità di farti sentire piena più a lungo, al mantenere il tratto digestivo il buona salute.

Ha un basso indice glicemico, il che vuol dire che contrariamente agli alimenti con alti indice glicemico (come la pasta tradizionale), permette di innalzare la glicemia in modo più lento, evitando i cosiddetti picchi glicemici elevati, particolarmente nocivi soprattutto se stai cercando di perdere peso in eccesso.

E’ semplice da preparare (perfino coloro che sono negati ai fornelli riescono a fare un piatto di pasta) e con l’aggiunta di una proteina, ad esempio il salmone o alcune tipologie di legumi e verdura, può rappresentare un pasto unico perfetto.

L’amido resistente, presente nella pasta Fibregold, rappresenta il 16% circa dell’amido totale ed è composto esclusivamente da amilosio, quella frazione dell’amido, che resiste al processo di digestione da parte degli enzimi digestivi, pertanto, non essendo digerito ed assorbito attraverso l’intestino, riduce i livelli di zucchero nel sangue (glicemia).

La pasta Fibregold, ricca in fibre solubili (betaglucani e amido resistente) è particolarmente indicata per la protezione e supporto delle cellule del colon.

La pasta Fibregold è un alimento funzionale. Secondo la Commissione Europea può essere definito funzionale un alimento che consumato come parte di un regime alimentare normale, ha un effetto benefico su una o più funzioni dell’organismo in modo rilevante per il miglioramento dello stato di salute per ridurre il rischio di malattia al di là degli effetti nutritivi.

La pasta Fibregold è particolarmente indicata anche nell’alimentazione di chi svolge attività fisica intensa. I carboidrati infatti sono una fonte di energia che supporta la contrazione muscolare e forniscono energia immediata. Quindi se sei una fan degli allenamenti HIIT o Tabata, non puoi di certo saltare il tuo piatto di pasta a pranzo.

Prima di eseguire l’allenamento non dimenticare di eseguire il riscaldamento. Leggi anche Esercizi di riscaldamento: 4 benefici e 3 esercizi da fare

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita


Mangiare pasta non causa obesità

Uno studio italiano ha finalmente sfatato una volta e per tutte a sfatare il mito che la mangiare pasta possa contribuire all’obesità. Al contrario pare sia associata ad una riduzione del indice di massa corporea (BMI)

pasta al sugo

Lo studio realizzato su un campione di 23.000 persone dal dipartimento di Epidemiologia, I.R.C.C.S Neurone di Pozzilli, ha rilevato che uno degli elementi fondamentali della dieta Mediterranea, è collegato alla riduzione della possibilità di obesità addominale.

Prima però di procedere con un scorpacciata del popolarissimo carboidrato (spesso demonizzato in alcune diete per il contenuto di glutine) è importante sottolineare come lo studio non dice che è il motivo per cui il BMI si riesce a ridurre, ma semplicemente rileva un’associazione.

pasta

“Analizzati i dati antropometrici dei partecipanti allo studio e le loro abitudini alimentari” dice l’autore dello studio George Pounis “abbiamo visto che il consumo di pasta, contrariamente a ciò che si può pensare, non è associato all’aumento del peso, anzi esattamente il contrario. I nostra dati dimostrano che consumare pasta assecondando le proprie esigenze, contribuisce alla costituzione di un indice di massa corporea sano, una vita dalla circonferenza più piccola e un più proporzionato rapporto tra vita e fianchi”.

Source: time.com