Articoli

Per la tua colazione torta fit camilla alle mandorle e carote

Avevo un desiderio, riprovare i sapori di una volta in chiave rivisitata, una torta fit con carote e mandorle leggera, umida e senza burro. Scopri la ricetta.

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

Per la tua colazione torta fit camilla alle mandorle e carote

  • 300gr carote
  • 50 gr farina integrale o di riso
  • 180gr farina di mandorle(preferibilmente tostate le mandorle e tritatele finemente)
  • Mezza fiala aroma mandorla amara
  • 120 gr stevia o dolcificante
  • 3uova
  • Una bustina di lievito

Come procedere

  • Mondate le carote, eliminate loro la buccia e grattugiatele quindi mettetele in una ciotola con la buccia grattugiata di limone.
  • Tritate le mandorle assieme alla stevia versare in una ciotola. Aggiungere carote e limone e mescolate.
  • Aggiungere ora le uova una per volta avendo cura di far incorporare ogni uovo prima di aggiungere il successivo.
  • Aggiungere infine la farina e il lievito per dolci e mescolate fino ad ottenere un impasto omogeneo.
  • Cuocere per 40/45minuti a 180gradi

Acquista su Amazon.it



Quadrotto di albumi e pera con more di gelso, mandorle e burro di arachidi

Clicca per acquistare i capi più cool dello Shop

Sperimentare in cucina è sempre positivo. Che sia nella forma, nella combinazione o nell’utilizzo di ingredienti nuovi, è un modo sicuramente diverso di provare a mangiare in maniera sana ed equilibrata. Il quadrotto di albumi e pera della fitness kitchen di Irene aggiunge oggi le more di gelso, ingrediente che non sempre viene utilizzato nelle ricette.

 

Ingredienti quadrotto di albumi e pera con mandorle, burro di arachidi e more di gelso
  • 200 ml di albumi
  • 1 pera 150 gr circa
  • 10 gr di mandorle spezzettate
  • 10 gr di burro di arachidi
  • 5 gr di more di gelso

Come procedere

  • Lavate e tagliate la pera a pezzetti.
  • Disponetela sul fondo di una pirofila o tazza, comunque che sia un contenitore adatto per il microonde.
  • Versate sopra gli albumi senza mescolare e cospargete la superficie con le mandorle spezzettate.
  • Cuocete nel microonde per 3 minuti o poco più controllando la cottura, è pronto quando è completamente solido.
  • Togliere dal microonde, versare il burro di arachidi e le more di gelso.
  • Si può cuocere anche nel forno tradizionale oppure nel padellino

 



Colazione, snack e pranzo light: smoothie bowl al cocco, sesamo nero, quinoa e menta

Siamo matte per le colazioni, ma la ricetta della smoothie bowl al cocco può essere anche utilizzata per un pranzo o uno snack se sei nel mood. La “chef” della ricetta, Tieghan di halfbakedharvest.com, dice che si tratta di una ricetta facile da preparare, deliziosa e perfetta da gustare in qualsiasi momento ne abbiate voglia.

coconut-banana-oats-smoothie-bowl-with-crunchy-black-sesame-quinoa-cereal-mango-102

Smoothie bowl al cocco, avena e banana
  • 1/3 di fiocchi d’avena
  • 1 tazza di latte di cocco
  • 1 cucchiaio di semi di chia
  • 1/2 cucchiaino di estratto alla vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • mezza banana media

Preparazione: Mescola l’avena, il latte di cocco, i semi di chia, la vaniglia e il sale in una coppa piccola. Coprila e riponila in frigo per 30 minuti o in alternativa lasciala riposare tutta la notte. Il giorno successivo frulla il composto e aggiungi la rimanente parte della mezza coppa di latte di cocco e banana, finché non il tutto non risulta cremoso.

Cereali croccanti al sesamo nero e quinoa
  • 3 porzioni da 1/4 di quinoa
  • 1 tazza di mandorle tagliate in manera grossolana
  • 1/2 tazza di anacardi, tagliati in maniera grossolana
  • 1/2 tazza di semi di sesamo nero
  • 1/4 di tazza di semi di lino
  • 3/4 di tazza di miele
  • 1/4 di tazza di olio di cocco, sciolto
  • 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
  • 1 cucchiaio di caffè istantaneo (opzionale)
  • un pizzico di sale

Preparazione: Preriscalda il forno a 180°. Metti uno sopra l’altro due fogli di carta forno o utilizza un tappetino di silicone. In una coppa piuttosto grande versa la quinoa, le mandorle, gli anacardi, i semi di sesamo e i semi di lino. Mescola nel miele, olio di cocco, estratto di vaniglia, caffè istantaneo e un pizzico  di sale. Mescola bene. Versa il composto sulla carta forno, e spalma in maniera tale che il prodotto sia distribuito in maniera uniforme. Informa per 35-50 minuti, mescola ogni 15 minuti finché il composto non risulti dorato. Rimuovi il tutto dal forno e fallo raffreddare prima di conservarlo.

Guarnizione
  1. mezzo mango tagliato a cubetti o a fette
  2. 30 gr di cioccolato fondente, tagliato
  3. foglie di menta
  4. burro di cocco, sciolto
  5. giochi di cocco non zuccherati

Per assemblare la smoothie bowl. Versa l’avena cremosa in una coppa. Guarnisci con i cereali croccanti a base di quinoa, taglia il mango e la cioccolata. Aggiungi della menta e burro di cocco.





9 cibi magri da tenere a portata di mano

9 idee per uno snack a portata di mano

Uno snack dovrebbe essere a portata di mano, sempre! Quante volte ti è capitato di arrivare a casa troppo stanca per cucinare e sei finita a mangiar schifezze o hai ordinato cheeseburger, pizze e patatine fritte? Sappiamo che quando la fame prende il sopravvento siamo capaci di spazzolare via tutto e fare scelte rapide e convenienti più che pensare alla salute. Il consiglio è di fare scorta in casa di questi 9 snack da tenere a portata di mano, che ti permettono di restare in forma, per quando non hai tempo e voglia di cucinare o la fame non si placa.

9 idee per snack a portata di mano

9 idee per uno snack a portata di mano

Snack a portata di mano

Hummus e vegetali: 
l ceci sono un pasto o uno spuntino semplice, ricco di proteine che combatte i livelli di zucchero nel sangue che ti fanno venir fame. Al forno, grigliato, in un’insalata o sotto forma di hummus non sono la cosa peggiore che si può mangiare, accompagnandoli ad alcuni vegetali possono avere un impatto benefico sul corpo più di quanto ti pensi . L’ Hummus aumenta l’energia perché contiene ferro e se lo accompagni al peperone rosso che contiene vitamina C  e ti aiuta ad assorbire il ferro dell’ hummus. Segui le nostre ricette alternative per fare un hummus da congelare e tenere a portata di “gola”.

2.Uova
L’equivoco che è che si debbano mangiare solo gli albumi (bianco). In realtà l’uovo col tuorlo ha un sapore migliore e contiene l’altra metà di proteine che stimolano il rilascio di glucagone, che brucia i grassi e a combatte il grasso localizzato della pancia. Il tuorlo d’uovo ha vitamina E e ti aiuta a mantenerti piena più a lungo. Prepara già qualche uova per la settimana facendoli bollire, così da tenerlo a portata di mano per quando hai ancora fame.

uova, cibo magro da tenere a portata di mano

uova, cibo magro da tenere a portata di mano

3.Mandorle
Mentre il burro di arachidi è ricco di proteine, le mandorle sono un tipo di noci di migliore qualità, ricche di vitamina E e antiossidanti che contrastano i danni dei radicali liberi. Non solo le mandorle sono ottime per capelli e pelle più sana, ma sono anche ricche di magnesio e vitamina B2 che aiuta a combattere lo stress. Quando sei stressata, il cortisolo viene rilasciato nel corpo e provoca l’aumento di peso. La vitamina B2 aiuta anche a migliorare i livelli di energia.

4.Semi di chia:
Ricchi di acidi grassi omega-3 , calcio e ferro, i semi di chia sono perfetti se vuoi tenere sotto controllo la linea, perché agiscono come una spugna , assorbendo zucchero e stabilizzando i livelli di zucchero nel sangue.  Dato il loro alto contenuto di fibre, i minuscoli semi arrivano a contenere acqua fino a venti volte il loro peso.  Aggiungili alla farina d’avena o mettili in una ciotola con cioccolato amaro e latte di mandorla, saranno in grado di assorbire il liquido e se li  gelatinizzi, avranno una consistenza simile a un budino di riso .

5.Quinoa:
Questo grano senza glutine può essere fatto in grandi quantità perché resiste perfettamente in frigorifero per 5 giorni. Mangialo da solo o con qualsiasi cosa – con le verdure, i legumi, con l’insalata a pranzo. O per la colazione, prova: una ciotola di quinoa con scaglie di cocco o mandorle, banana, cannella e un po’ di vaniglia. La quinoa sostituisce il riso ed è migliore;la  quinoa è una fonte di proteina completa perché ha amminoacidi e vitamine B.

6.Parmigiano Reggiano:
Troppo bello per essere vero? E invece… il parmigiano è un ottimo ammazzafame. Usalo a scaglie su pane o crackers integrali. E’ sano, e supporta la costruzione di ossa più forti. Il Parmigiano è uno dei formaggi più saporiti, però considera che circa un cucchiaio contiene 22 calorie.

7.Yogurt
Top tra i top per avere una pancia più piatta, lo yogurt se scelto del tipo giusto, è pieno di  probiotici –  i batteri che contribuiscono a ridurre la quantità di grasso che il corpo assorbe. Preferisci lo yogurt greco al normale, perché senza grassi o a basso contenuto di grassi; perché contiene la metà di sodio del normale yogurt – ed è senza dolcificanti artificiali e conservanti.

8.Pane di grano germogliato: 
Tienilo in dispensa e usalo per panini dolci o salati, preferiscilo per accompagnare l’hummus o il formaggio di soia.

9.Snack sani
Mangia gli snack healthy che vuoi ma in porzioni ragionevoli: arance, patate al forno e frullati, cioccolato fondente multi-grano, cioccolato vegan, snack di cereali e frutta Ti raccomandiamo, se viaggi, di tenere con te mele, pomodori, uva o uno di questi snack healthy. In borsa quando sei in giro per lavoro, porta albicocche secche o mirtilli secchi perché hanno meno zucchero, ok anche al cioccolato al cocco.

Source: fitnessmagazine


9 cibi per una pancia più piatta

,

9 cibi per una pancia più piatta. Una combinazione di cardio, sit-up, training di resistenza e abitudini alimentari healthy sono davvero l’unico modo per abbandonare le maniglie dell’amore.
La buona notizia: è che sono molti i cibi che possono accelerare il processo e aiutarti a raggiungere il tuo obiettivo pancia più piatta, mettendo al bando quelle diete rigorose, lontane dal nostro stile di vita.

I grassi monoinsaturi

Già ti vedo con la bocca spalancata ma sì ci sono dei grassi (monoinsaturi) e anche dei carboidrati buoni, sani che fanno da supporto allo sviluppo degli addominali. Come? I picchi di zucchero nel sangue segnalano al corpo di immagazzinare il grasso intorno ai fianchi, ma i grassi monoinsaturi fermano in modo efficace l’accumulo di grasso.

Un’alimentazione che comprende il consumo di grassi monoinsaturi dà più risultati (in termini di grasso addominale) del mangiare lo stesso numero di calorie, ma meno grassi (studio sulla rivista Diabetes Care).
Inoltre i grassi monoinsaturi abbassano il colesterolo “cattivo” e sono ad alto contenuto di vitamina E.

I cibi migliori con grassi monoinsaturi

 

Olio d'oliva

Olio d’oliva

1. Olio d’oliva ed extravergine d’oliva – Il Santo Graal dei grassi monoinsaturi! Opta per circa 2 cucchiai al giorno di olio, condendo il pesce fresco o le verdure, o mescolandolo con limone, aglio e spezie per creare le insalate.

Insalata veggie con avocado e miso

Insalata veggie con avocado e miso

2. Avocado – We love avocado, la nostra superstar incontrastata! Un esempio su come usarlo? Leggi le ricette alternative e mi raccomando non mangiarne comunque più di un quarto di tazza al giorno.

mandorle per una pancia più piatta

mandorle per una pancia più piatta

3. Mandorle  – Oltre ad essere ad alto contenuto di grassi monoinsaturi, le mandorle sono ricche di fibre, proteine, vitamina E e magnesio, che aiuta il corpo a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue. Un suggerimento? Mangiale come snack perfetto pre o post allenamento; la quantità consigliata è di circa 23 mandorle (9 gr. di grassi monoinsaturi e 165 calorie)

Cioccolato fondente

Cioccolato fondente

4. Cioccolato fondente – Facciamo tutte insieme una ola! Il vero cioccolato fondente è ricco di benefici per la salute e, seppur in piccole quantità, migliora la digestione e combatte gli accumuli di grasso sulla pancia. Scegli barrette che contengono il 70-85% di cacao amaro.

Spinaci e uova per una pancia più piatta

Spinaci e uova per una pancia più piatta

5. Spinaci – Tra i migliori in assoluto: ha un contenuto super-basso di calorie, ed è ricco di vitamina C, vitamina K, ferro, potassio e magnesio. Gli spinaci sono anche una buona fonte di calcio, che aiuta i muscoli addominali nella contrazione; sono poi  ricchi di fibre, che ti fanno sentire piena. Il modo più semplice per consumarli? Usali nelle insalatone o nei sandwich al posto della lattuga iceberg o romana.

Yogurt, fermenti lattici e addome piatto

Yogurt, fermenti lattici e addome piatto

6. Yogurt – Probabilmente sai che un solo vasetto di yogurt stimola la crescita dei probiotici, che sono batteri buoni nel nostro intestino. In questo modo, combattono i batteri cattivi che provocano gonfiore. Quindi lo yogurt ècun alimento indispensabile per il tuo ventre. Ricorda, per ottenere i benefici, scegli quelli che sull’etichetta indicano “fermenti lattici vivi e attivi”.

Uova per la pancia più piatta

Uova per la pancia più piatta

7. Uova – Le uova hanno tantissime buone qualità, ma la più grande è la capacità di farti sentire sazia, grazie al suo mix di aminoacidi essenziali, proteine e grassi. La maggior parte degli esperti concordano sul fatto che un uovo al giorno è sufficiente.

Salmone

Salmone

8. Salmone – Pesci grassi come salmone, tonno e sgombro, sono ricchi di acidi grassi omega-3 che accelerano il metabolismo, e di proteine che aiutano a rallentare la digestione e prevenire eventuali altre voglie. Che aspetti a mangiare questo pesce 1/2 volte a settimana?

Frutti di bosco

Frutti di bosco

9. Frutti di bosco  – Questi piccoli frutti sono straordinari per il loro apporto di fibre. Secondo uno studio, maggiore è la quantità di fibre assunte minore sarà il numero di calorie assorbite perché le fibre intrappolano in particelle di cibo e le trasportano fuori dal nostro organismo prima di essere completamente digerite. Il tuo prossimo obiettivo: mangiare mezza tazza al giorno di mirtilli, lamponi, fragole, more o qualsiasi altro tipo che ti piace.

Source : Stylecaster

Prendere sonno è un problema? 8 cibi che ti aiuteranno

Prendere sonno è un problema? Lo sapevi che gli alimenti che mangi hanno un impatto significativo sulla qualità del tuo sonno?

Hai bevuto una tisana rilassante, hai fatto yoga, hai anche spento il cellulare un po’ prima, hai iniziato a contare le pecore e nonostante questo non prendi sonno. Potrebbe essere il momento di riguardare le tue abitudini alimentari prima di dormire.

L’eccesso di stimolazione durante il giorno ha dei costi per il tuo corpo che finiscono per ripercuotersi anche sulla qualità del sonno. Cerca di preferire gli alimenti che lo migliorano che si basano su nutrienti chiave come calcio, magnesio, potassio, vitamine del gruppo B, e triptofano.

Questi sono gli 8 cibi che ti faranno addormentare più velocemente, più a lungo e più profondamente.

Mandorle

Mandorle

1.MANDORLE

Le mandorle sono ricche di vitamine B e potassio che aiutano il nostro sistema nervoso a rilassarsi. Uno spuntino che ti fa dormire?  Stendi del di burro di mandorle su pane tostato con qualche fettina di banana. Non avrai bisogno di contare le pecore…

riso integrale

riso integrale

2.RISO INTEGRALE

Il riso è impressionante perché contiene gli amminoacidi GABA – gamma-amino butirrico – che calma il sistema nervoso e funziona quasi come un naturale super tranquillante.

ciliege

ciliege

3.CILIEGE

Ciliegie permettono al corpo di rilasciare melatonina, il nostro ormone/orologio biologico che facilita il ciclo sonno veglia naturale. Le ciliegie ti aiutano a ricalibrare il corpo quando sei sotto jet lag.

ceci

ceci

4.CECI

I Ceci sono ricchi di vitamina B6 , che è necessaria alla produzione di melatonina. Questo fa sì che il legume abbia profonde qualità soporifere.

cavolo

cavolo

5.CAVOLO

Hai bisogno di un po’ilteriri prove per convincerti a mangiare il cavolo ? La carenza di magnesio è una delle principali cause di insonnia, ed il cavolo ne è ricco. Soprattutto se quello a foglia verde scuro.

avena

avena

6. AVENA

L’Avena aiuta il corpo a rilasciare gli ormoni del sonno (la melatonina ancora una volta). Tutti porridge per cena, adesso ?

noci

noci

7. NOCI

Le noci sono una grande fonte di triptofano, un aminoacido che migliora il sonno . Nel cervello, il triptofano viene convertito in serotonina che induce il sonno .

Il tuo corpo sarà pronto a mettere lo snooze!

Grassi buoni Vs. Grassi cattivi impara le differenze

Grassi buoni , grassi cattivi…C’è grande confusione ammettiamolo. Proviamo a scoprire quale intero mondo di cibi sani abbiamo evitato fino ad ora e viceversa, quanti cibi “cattivi” abbiamo mangiato.

Per decenni, abbiamo dichiarato guerra al grasso ed è stata una delle cose più tossiche potessimo fare al nostro corpo perché… il grasso non è il male! Esistono grassi buoni che aiutano ad accelerare il nostro metabolismo, a rendere il cervello più attivo e veloce, a bilanciare i nostri ormoni e creare la nostra energia interna.

Lilybod Mali Ultrajet Lilybod – clicca per acquistare

La cosa importante da sapere è che  ci sono grassi buoni contro grassi cattivi. Così ti diamo qui delle indicazioni sui cibi, a cui puoi fare riferimento nei momenti di bisogno.

Si basano sulle raccomandazioni dell’esperto di nutrizione dr.Hyman che indica di mangiare i grassi ricchi di omega 3, i grassi che abbassano le infiammazioni e incrementano il bruciare i grassi, ed evitare cibi con grassi infiammatori come gli oli vegetali e gli alimenti ad alto contenuto di metalli pesanti, pesticidi e ormoni (prodotti lattiero-caseari)

GRASSI BUONI VS. GRASSI CATTIVI

Grassi animali

BUONI| Nutriti con erbe, organiche, sostenibili. Agnello, manzo, bisonte, cervo; pollo, anatra e tacchino; uova da pascolo,  organiche, lardo/strutto da pascolo

CATTIVI | animali nutriti a “ingrasso”, pollame non biologico

grassi buoni vs. grassi cattivi

grassi buoni vs. grassi cattivi

Prodotti Ittici

BUONI| pesce selvatico: sardine, sgombri, aringhe, merluzzo nero e salmone selvatico. Frutti di mare, tra cui vongole, ostriche, cozze, gamberi, capesante e granchio, calamari e polpo.

CATTIVI | Aragosta, tonno, pesce gatto, re sgombro, spigola cilena,  pesce spada .

 

Latte e suoi derivati

BUONI | burro, ghi, il dado non zuccherato e latte di semi (mandorle, anacardi, canapa , nocciola) fertilizzati con erba .

CATTIVI | Latte, yogurt, formaggio, panna, burro normale , latte di soia.

Scopri la collezione Onzie nel nostro shop

 

Noci & Semi

BUONI | Mandorle, macadamia, noci, noci pecan e noci del Brasile . La canapa, chia, zucca, sesamo , lino. Burro di noci e semi (senza zuccheri aggiunti o oli cattivo) .

CATTIVI | Arachidi.

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita


Vuoi capelli più lunghi? Ecco gli 8 cibi che fanno per te

Se sei in piena crisi per i capelli che hai tagliato troppo o dopo un nuovo look, c’è un momento difficilissimo che abbiamo provato tutte… La lunga e snervante attesa che i capelli ricrescano. Per fortuna, a differenza della pentola che se viene guardata non bolle mai, puoi fare qualcosa per avere risultati effettivi sulla  crescita dei capelli,  in particolare modo si tratta di mangiare in modo strategico. Qui ci sono otto alimenti che fanno crescere i capelli più velocemente, consigliati dal nutrizionista della Harvard e Yale Medical School Jayson Calton, PhD, e dalla fitness chef Mira Calton, NC.

1.Salmone

Questo pesce è pieno dei forti sostenitori dei capelli come la vitamina D e le proteine, e contiene anche gli acidi grassi omega-3 che promuovono la crescita dei capelli, mantenendo il cuoio capelluto sano.

2.Peperoni gialli

I peperoni gialli contengono quasi cinque volte e mezzo più vitamina C delle arance (341 milligrammi, al contrario di 63). La vitamina C è un antiossidante che rafforza i follicoli dei capelli e dei fusti, impedendone la rottura.

3.Ostriche

La carenza di zinco è stata riconosciuto come una tra le cause della perdita dei capelli. Le ostriche sono ricche di zinco, basta pensare che solo 80/100 gr di ostriche contengono più del 493% per cento del valore giornaliero di zinco.

Leggi anche: Quante uova mangiare a settimana?

4.Uova

Le uova sono una fonte eccellente di omega-3, e di biotina (che molte persone cercando di far crescere i loro capelli prendono in forma di supplemento). Ma attenzione: non è il “sano” bianco d’uovo che renderà i capelli lunghi e belli, è il tuorlo. Mangiare troppi albumi può effettivamente bloccare l’assorbimento di biotina nel corpo, causando una deplezione di questo micronutriente.

5.Semi di girasole

Solo pochi piccoli semi sono in grado di fornire con abbondanza la vitamina E, che aumenta il flusso di sangue al cuoio capelluto e promuovere la crescita dei capelli più velocemente.

6.Patate dolci

Le patate dolci sono ricche di beta-carotene, il precursore della vitamina A, che non solo promuove un cuoio capelluto sano, ma favorisce efficacemente la crescita dei capelli. Scegliere alimenti con beta-carotene integrandoli con alte dosi ( più di 2500 milligrammi ) di vitamina A da retinolo, però può essere tossico a livelli molto elevati.

7.Avocado

Grazie alla loro alta concentrazione di acidi grassi essenziali naturalmente presenti nelle cellule della pelle (l’avocado aiuta a mantenere la pelle liscia e morbida), l’avocado è un segreto di bellezza che si tramanda da secoli. Quando applicato topicamente sui capelli e sul cuoio, ha la capacità aggiuntiva di stimolare il collagene e la produzione di elastina. Mescola un po’ di avocado con panna acida (che contiene acido lattico per aiutare a esfoliare la pelle morta e ripulire l’accumulo di tossine sul cuoio capelluto) e applica questa maschera sui capelli e cuoio capelluto per una decina di minuti prima di lavare via .

8.Mandorle

Le mandorle stimolano la crescita a causa del loro elevato contenuto di biotina. Una tazza di mandorle contiene quasi un terzo del fabbisogno giornaliero. Dovresti essere in grado di vedere i risultati in un mese o due, se li aggiungo alla tua routine alimentare.

 



Post workout snack: suggerimenti dai trainer

Dopo l’allenamento il corpo è infiammato e invaso dall’acido lattico. Molte persone ingeriscono proteine subito dopo il workout, ma visto che molte proteine contengono acidi bisognerebbe ricaricare il proprio corpo con cibi alcalinici e antinfiammatori. Oltre alle mandorle e allo yogurt greco, ecco altre 5 ricette da provare.

Smoothie alla curcuma: Mangiare uva o altra tipologia di cibi alcalininci e affiancarli a cibi antiinfiammatori come la curcuma può essere una buona opzione. Puoi farne uno smoothie con banane e frutti di bosco, aggiungere della curcuma acqua e agave, e aggiungere un cibo altamente proteico 30 minuti più tardi.
Datteri e burro di semi di girasole: i datteri sono ricchi di potassio che è fantastico per rivitalizzare il corpo subito dopo l’allenamento e aiutano anche ad liberarsi di eccesso d’acqua. Il burro di semi di girasole è un ottimo cibo vegetale che fornisce proteine. Difficile da trovare in Italia, potete tranquillamente provvedere a farlo in casa, basta un frullatore. Potete persino tostare i semi in padella e successivamente e frullarli finché non rilasciano l’olio, formando una crema. Il tutto puà richiedere dagli 8 ai 10 minuti, a seconda della potenza del frullatore.
Mele e burro di mandorle: Questo snack è ricco di nutrienti e proteine, oltre ad essere semplicissimo da preparare, è croccante e gustoso, ideale per recuperare energia e supportare i muscoli.

Biscotti della felicità a 3 ingredienti

Smoothie alla banana e burro di arachidi: Per preparare questo potente snack post-workout basta frullare latte di mandorle, banane, cannella, e burro di arachidi. E’ ricco in proteine e ti farà sentire carica e piena di energie grazie alla cannella che regola gli zuccheri nel sangue. Puoi aggiungere gli spinaci per avere un maggiore apporto di minerali.

Prima di eseguire l’allenamento non dimenticare di eseguire il riscaldamento. Leggi anche Esercizi di riscaldamento: 4 benefici e 3 esercizi da fare

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita


Biscotti proteici al cacao per l’ora del tè

I biscotti sono croce e delizia di tutte noi. Personalmente ho sempre la necessità di mangiare qualcosa di dolce durante la giornata. Chiaramente i biscotti non rappresentano un’opzione, ma facendo un po’ di ricerche online sono riuscita a trovare una ricetta che potrebbe in qualche maniera rientrare nella mia routine alimentare. Visto che tendo a limitare gli zuccheri,  la ricetta di seguito rappresenta un giusto compromesso.
biscotti proteici
Ingredienti
  • ½ tazza di burro di arachidi (120g)
  • ⅓ tazza di latte di mandorle senza zucchero (80ml) o in più se necessario (non confondete il latte di mandorle con una bevanda a base di latte di mandorle)
  • ½ tazza di proteine al cioccolato a base di piselli (meglio se vegan,se riuscite a trovarle, altrimenti posso suggerirvi quelle che uso io, comprate online chiaramente)
  • 1 cucchiaio di cacao amaro (5g)
  • 2 scoop di stevia
Istruzioni
  1. Preriscalda il forno a 163C.
  2. Mescola il burro di arachidi con un ⅓ di latte di mandorle finché non diventa morbido.
  3. Aggiungi le proteine in polvere, il cacao e la stevia. Mescola bene usando le mani se necessario. Se rimangono grumi, aggiungi altro latte di mandorle con un cucchiaino..
  4. Utilizza la carta da forno per schiacciare l’impasto.
  5. Con una forma per dolci, scegli quella che preferisci, taglia l’impasto e posizionalo sulla carta da forno.
  6. Infornalo per circa 12 minuti finché non cuoce.
  7. lasciate raffreddare i biscotti e godeteveli! Se ne rimane qualcuno mettelo in frigo.

 

Buon tè a tutte!