Articoli

Dieta FODMAP: il problema della pancia gonfia e piena d’aria e come evitarlo

A parte il Monday blues, ovvero la depressione da lunedì, chi non si è svegliato con la pancia gonfia e piena d’aria per i bagordi del weekend a inizio settimana, alzi la mano. Per tutti coloro che non hanno questa sensazione, un grosso applauso, per gli altri, vi consigliamo di leggere questo articolo, magari il vostro brunch healthy della domenica ha fatto qualche danno di troppo…

Sebbene l’acronimo FODMAP non dica niente alla maggior parte di noi, la pancia gonfia e piena d’aria sono solo alcuni dei sintomi che disturbano la vita di molti.

Sorprendentemente, alcuni degli alimenti che contribuiscono ai problemi intestinali sono cibi sani e nutrienti. Quindi, nel tentativo di fare la cosa giusta, molte persone aumentano le porzioni di alimenti nutrienti (per ripulire la loro dieta) solo per trovarsi in uno stato peggiore. È qui che l’esperienza di un dietista accreditato può aiutarti a muoverti tra i cibi e guidarti nella giusta direzione.
La buona notizia è che molti alimenti colpevoli d’irritare l’intestino possono essere comunque gustati tenendo sott’occhio la quantità, le porzioni e mantenendo il tutto in equilibrio. FODMAP sta per “Oligosaccaridi fermentabili, disaccaridi, monosaccaridi e polioli” – ora si capisce la necessità di un acronimo, giusto? – ovvero zuccheri che hanno un elevato potere fermentativo. In parole povere, zuccheri e carboidrati che sono scarsamente assorbiti e come tali causano problemi digestivi.

Quando abbiamo scoperto che i cibi FODMAP possono causare dolore, siamo rimaste un po’ perplesse: immediatamente ci siamo immaginate un brunch senza avocado, un’estate senza frutta e una vita senza yogurt e pizza.

Ma, quando si tratta di alimentazione le scelte estreme non sono mai da prendere in considerazione. Non si tratta quindi di acquisire un approccio ‘NO FODMAP’, si tratta solo di dosare le quantità di alcuni alimenti e essere coscienti del fatto che esistano delle alternative.

Diamo un’occhiata ad alcuni degli ingredienti FODMAP più deliziosi e come è possibile utilizzarli o scambiarli.

Terez legging indossati da Claudia Casanova – clicca per acquistare

Pancia piatta: la guida definitiva in 20 consigli pratici

Solo a vedere quel numero nel titolo, probabilmente ti sarà venuta l’ansia. In realtà, cambiando prospettiva, vedrai solo una moltitudine di soluzioni da leggere e mettere in pratica se il tuo obiettivo è quello di avere la pancia piatta e sgonfia.

Puoi ancora goderti gli aperitivi, ma ad una condizione. E’ risaputo come l’alcol e la sua presenza nel corpo rallenti la capacità di quest’ultimo di bruciare grassi. Tutta via se ti attieni a delle dosi standard di un bicchiere di vino o di birra, puoi ancora goderti l’aperitivo.

Cerca di rimanere calma. L’ansia sollecita la produzione di cortisolo, l’ormone che induce il corpo a conservare grasso in eccesso. Respira profondamente, fai partire il respiro dalla pancia, per circa 10 conteggi e cerca di alleviare i momenti di stress.

Mangia. Mangiare troppo poco, fa si che il tuo corpo vada in modalità “fame” e di conseguenza aumenti la probabilità di conservare il grasso in eccesso piuttosto che bruciarlo.

Controlla le tue sessioni di cardio. I muscoli sono metabolicamente più attivi del grasso, il che vuol dire che più ne hai più il tuo metabolismo funziona velocemente. L’allenamento di resistenza è fondamentale a questo scopo, quindi cerca di aggiungere cardio il giusto che serve.

Leah Simmons in Lilybod Ivy Mirage bra – Clicca per acquistare – Fonte Instagram

Attieninti all’integrale. Preferire gli alimenti integrali ti aiuterebbe a mantenere la pancia piatta in maniera maggiore.

Allena qualsiasi angolo. Quando esegui un circuito per definire gli addominali, pensa ai tre piani di movimento. Prova quindi crunch e crunch inversi (per allenare gli addominali dall’alto verso il basso e avanti e indietro), piegamenti del busto laterali in piedi (per allenare la parte frontale) e torsioni (per allenare i muscoli in maniera traversa).

Affidati al te verde. L’EGCG, un antiossidante contenuto nel te verde, sembra aumenti la capacità metabolica. Ovviamente non esagerare, ma inserisci una tazza di tè verde nel tuo piano alimentare.

Dormi. La mancanza di sonno può rallentare il metabolismo. Per tanto non privarti mai delle tue 8 ore di sonno.

Aggiungi erbe al tuo piano alimentare. Zenzero, camomilla e menta, sembra abbiano un effetto sgonfiante e sopporterebbero una corretta digestione.

Attenta agli zuccheri. Alcune ricerche dimostrano come lo zucchero sia molto più presente nella nostra giornata alimentare di quanto crediamo. Non sempre infatti lo inseriamo sotto forma di zolletta o bustina di zucchero, basta anche solo fare riferimento ai cibi confezionati, che la quantità di zucchero spicca il volo. Cerca quindi di leggere sempre le etichette, quando fai la spesa.

Segui la regola del 10%. Se dunque non hai bisogno di fare 100 crunch per eliminare il grasso addominale, è vero che allenare questa zona nello specifico è considerato uno step necessario a fine allenamento. L’ideale sarebbe passare la maggior parte del tempo ad allenare il resto del corpo e dedicare non più del 10% del totale del tuo allenamento agli addominali.

Claudia Casanova indossa Legging Terez – Clicca per acquistare

Go big or go home. Quando ti alleni prediligi l’allenamento dei grandi gruppi muscolari e più di un gruppo muscolare alla volta, invece dei movimenti isolati. Questi esercizi bruciano più calorie.

Semplifica la cena. Cerca di attenerti ad un piatto semplice fatto di proteine e verdure, ed evita possibilmente i dolci, così da evitare il pericolo di ritenzione idrica.

Scrivi un diario. Alimentare, s’intende, in maniera tale da tenere sotto controllo quello che mangi ed eliminare le eventuali cause di gonfiore.

Evita le fritture. Sono difficili da digerire ed è più probabile ti facciano sentire gonfia.

Aggiungi un pizzico di sprint. All’interno della tua sessione di cardio, inserisci dai 10 ai 30 secondi di sprint. Puoi utilizzare il tappeto, la bike o qualsiasi altri attrezzo. In questa maniera brucerai una maggiore quantità di calorie.

Martina Kalos indossa legging Terez – clicca per acquistare

Prova a sostituire la sedia con la fitball. Se qualche tua collega già lo fa, non prenderla per matta. Questa sostituzione in realtà ti permette di attivare gli addominali alla ricerca dell’equilibrio mentre sei seduta.

Ridi. Al pari del fatto di mantenere la calma, una buona risata è quello che ti serve perchè durante una risata contrai gli addominali. Va da se che non è l’unica cosa da fare.

Attenta al sale. Il sale serve al corpo per funzionare, ma troppo sale può causare ritenzione. Elimina i cibi troppo conditi e cerca di preparare i pasti il più delle volte in maniera tale da mantenere sotto controllo la quantità di sale.

Non mangiare aria. Bere dalla cannuccia e masticare gomme possono causare un accumulo di aria in pancia, aumentando le dimensioni del giro vita. Inoltre, masticare bocconi più piccoli può aiutarti a sbarazzarti da quella sensazione di gonfiore dopo i pasti



Sentirsi gonfia dopo mangiato. Ecco i 4 colpevoli.

Sentirsi gonfia dopo mangiato è una sensazione che può capitare ad esempio a causa delle grandi quantità ingerite, o piuttosto perchè si è mangiato troppo velocemente. tuttavia ci sono alcuni alimenti insospettabili che causano gonfiore e che possiamo dire fanno parte dell’alimentazione quotidiana della maggior parte di noi.

Clicca per visitare lo shop

Sentirsi gonfia dopo mangiato. Ecco i 4 colpevoli.

Acqua frizzante. Molte persone sono a conoscenza del fatto che la soda provoca gonfiore. Ma anche le bollicine presenti nell’acqua frizzante possono dare la stessa sensazione di gonfiore nonostante sia priva di zuccheri. Per rendertene conto prova a mangiare lo stesso pasto sia con acqua frizzante che con acqua liscia, e vedi la differenza.

Aglio. L’aglio fa parte di quel gruppo di cibi che non vengono ben assorbiti dal tratto intestinale e che tendono a portare acqua nell’intestino e fermentati dai batteri, dando luogo a gas e gonfiore nell’intestino. Questo non vuol dire eliminare dalla tavola l’aglio ma la prossima volta che provi qualche condimento a base d’aglio fai caso a come ti senti.

Insalate giganti. L’effetto è che essendo giganti, occupano spazio nel tuo stomaco espandendosi più di un pasto normale, anche se contengono meno calorie. Inoltre come altre tipologie di verdure, fanno parte di quegli alimenti definiti FODMAP ovvero  carboidrati a catena corta assorbiti in modo incompleto nel tratto gastro-intestinale e che possono dare adito a stati di fermentazione nell’intestino, causando irritazione, gas, gonfiore addominale, diarrea e costipazione.

Caffè. Se sei intollerante al lattosio, puoi avere problemi di gonfiore, ma anche il caffè a se stante può dare la stessa sensazione. Poiché è acido può essere irritante per il tuo stomaco e causare gonfiore. E se aggiungi zucchero o dolcificanti può essere anche peggio.

E’ importante sottolineare che seppur alcuni cibi causano gonfiore, non c’è bisogno di eliminarli completamente dal tuo piano alimentare. La chiave è mangiare questi cibi in maniera strategica: evitarli prima di un colloquio, un meeting o una serata fuori con amici.

Souce: woman’s health



6 fatti sul gonfiore che ti lasceranno a bocca aperta

Il gonfiore si sa è il peggiore nemico di pratica fitness: basta un po’ di aria nello stomaco per far sembrarere vane tutte quelle ore trascorse in palestra! Inoltre sentirti gonfia causa quel senso di spossatezza che non ti permette di essere produttiva e concentrata sul lavoro.

Le cause possono essere varie e oltre le solite raccomandazioni, ecco alcuni fatti sul gonfiore che ti lasceranno a bocca aperta.

1. Mangia in maniera sana e non per vedere il ventre piatto sotto il tuo tubino nero! 
C’è da dire, che le verdure posso causare gonfiore soprattutto se stiamo parlando di cavoletti di bruxelles, cavolfiori e broccoli. Questo accade perchè il corpo non produce un enzima in grado di processare un determinato tipo di carboidrato presente in questi alimenti. Si determina quindi uno stato di gonfiore. Le verdure tendono anche ad essere ad alto contenuto di fibre insolubili, che mentre aiutano un regolare funzionamento intesitnale, hanno come effetto collaterale il gonfiore.  La soluzione? ovviamente non è tagliare fuori questi alimenti dal tuo menu, piuttosto cercare di masticare lentamente e ridurre l’ingestione di aria.

2. Le bevande gassate causano gonfiore, ma non sono le sole
Mentre le bevande analcoliche e frizzanti sono causa conclamata di aria nello stomaco, devi sapere che anche bere dalla cannuccia qualsiasi tipo di liquido, ha lo stesso effetto.

Vigg Leggings – clicca per acquistare

3. Acqua e limone ti aiutano a sgonfiarti
Acqua bollente con agrumi (limoni nello specifico)  nel breve termine agisce come un lieve diuretico. A lungo termine, ti permette di rimanere idratata, tenere attivo il tuo metabolismo e digerire meglio.

4. Alimenti diet o light causano più gonfiore
Se pensi di poter mangiare quantità industriali degli ultimi biscotti senza zucchero e senza grassi che hai comprato, sappi che vai incontro ad un sicuro gonfiore di stomaco. E qursto perchè sono cibi che contengono sostituti dello zucchero che sono difficili da digerire per l’intestino. Per soddisfare la tua voglia di zucchero piuttosto mangia un po’ di frutta.

5. Stare seduta tutto il giorno provoca gonfiore 
Essere comodamente seduta tutto il giorno può rallentare la digestione, rendendo più probabile la costipazione.. La prescrizione è semplice: muoviti. Anche alzarsi ogni 15 minuti o giù di lì per andare in giro può essere sufficiente ad evitare il problema.

6. I latticini e derivati non si limitano a gonfiare gli intolleranti al lattosio
Qualsiasi dato alimento avrà un impatto su ogni persona in modo diverso, ma i prodotti lattiero-caseari sono una causa  comune di gonfiore .Circa il 65 per cento della popolazione umana ha una ridotta capacità di digerire il lattosio, secondo la National Library of Medicine degli Stati Uniti. Se pensi di essere tra queste persone, puoi utilizzare il latte di mandorle ad esempio.

Source: Womanshealth.com.au




Se ti senti gonfia, prova queste posizioni yoga

,

Ci sono dei giorni in cui, non ti senti predisposta a mangiare come dovresti. Capita, e come conseguenza ti senti gonfia e nervosa. Non disperare c’è un rimedio e lo trovi in queste posizioni yoga che ti stiamo per elencare. E’ una sequenza di 12 posizioni che puoi ovviamente fare comodamente a casa. Quello di cui hai bisogno è un tappetino.

12 posizioni yoga contro il gonfiore

Squat Allungato
  • Con i piedi leggermente divaricati rispetto alla larghezza dei fianchi, inginocchiati e abbassa i fianchi verso il basso.
  • Porta le mani lontano dalle ginocchia e inspira e respira per 5 volte. Spostandoti da un lato all’altro, ti aiuterà a sollevare la pressioni in diverse parti della pancia

squat-allungato

Fierce pose laterale
  • Con i piedi uniti, inspirando piega le ginocchia e abbassi fianchi mentre porti le mani sopra la testa, realizzando una Fierce pose.
  • Butta fuori l’aria per incrociare il gomito sinistro con la parte esterna del ginocchio destro. Premi i palmi l’uno contro l’altro e spingi la il gomito rivolto verso il passa contro la parte esterna della coscia in modo tale che il tuo busto possa sollevarsi e ruotare tendendo verso l’alto.
  • tieni la posizione per 5 respiri, e torna nella Fierce pose, ripeti dal lato opposto.

fierce-pose-laterale

Gambe aperte posizione D piegata in avanti
  • Gambe divaricate a superare la larghezza fianchi. Punte dei piedi rivolte leggermente verso l’interno, talloni che puntano leggermente verso l’esterno.
  • Attiva gli addominali e piegati in avanti, ripiegando il busto sui fianchi.
  • Con l’indice, il medio e il pollice tieni gli alluci. Se non riesci a raggiungere i piedi, porta le mani dietro le gambe. Tieni i gomiti perpendicolari ai polsi, spalle rilassate lontano dalle orecchie
  • Conta per 5 respiri

posizione-d-piegata-in-avanti-yoga

Leggi anche: tendenze activewear Alo Yoga

Twisting Lizard
  • Esegui un lunge con le ginocchia piegate e porta l amano sinistra sul tappetino sotto la spalla.
  • Alza la tua mano destra in arai e girati verso sinistra, portando lo sguardo all’indietro.
  • Tieni la posizione per 5 respiri poi passa al lato opposto

twisting-lizard

Torsione della schiena seduta
  • Seduta con le gambe distese davanti a te
  • Piega le ginocchia, metti il tallone sinistro quanto più vicino possibile al gluteo destro. Incrocia il piede destro sul ginocchio sinistro e porta la pianta per terra, così che la caviglia destra sia vicina al ginocchio sinistro.
  • Porta il braccio dietro di te, e metti il palmo per terra. Incrocia il gomito sinistro sopra alla parte più esterna della coscia destra per aumentare il twist.
  • Porta lo sguardo dietro e sopra la tua spalla destra. tieni la posizione per 5 respiri.
  • Sciogli il twist, riallunga le gambe davanti a te, ed esegui questa posa con il ginocchio destro che punta verso l’alto.

twist-back-seated

Mucca e gatto
  • A quattro zampe, attiva gli addominali. Inspirando, rilascia gli addominali, inarca la schiena e solleva testa e coccige. Questa è la posizione della mucca.
  • Espirando, forma un arco con la schiena, spingi gli addominali verso la colonna vertebrale e nello stesso tempo blocca il coccige e porta il mento verso il petto. Questa è la posizione del gatto
  • Esegui i movimenti per un minuto.

mucca-e-gatto-yoga-pose

 

Leggi anche: le pose Yoga da fare per una domenica di relax

Cammello
  • Inginocchiati con i fianchi perpendicolari alle ginocchia, stinchi paralleli.
  • porta la mano destra verso il tallone destro, quella sinistra verso il tallone sinistro. Le mani sono lì per garantire equilibrio, quindi non portare tutto il peso verso le mani.
  • Prova a portare il peso in avanti sulle ginocchia, in maniera tale da poter aumentare lo stretching sulla parte addominale.
  • Abbassa la testa indietro e respira per 5 volte.

pozione-cammello-yoga

Posizione del bambino con gambe divaricate
  • Da una posizione a quattro zampe, porta indietro i fianchi fino a sederti sui talloni e butta fuori l’aria mentre abbassi il ventre tra le ginocchia.
  • Mantieni per 5 respiri, facendo oscillare i fianchi da lato a lato.

posizione-del-bambino-yoga

Posizione della locusta
  • Sdraiata sulla pancia, inspira ed estendi i le braccia e le gambe, alza piedi e mani quanto più possibile, e respira per 5 volte.

posizione-della-locusta-yoga

Leggi anche: yoga squat contro una vita da scrivania

Ginocchia al petto.
  • Sdraiata supina, porta la gamba sinistra al petto, incrocia le mani sugli stinchi e spingi verso il basso per aumentare lo stretching. Rilascia la tensione sulle spalle e collo
  • La gamba destra è distesa e rilassata.
  • Mantieni la posizione per 5 respiri e ripeti con la gamba destra piegata.

ginocchia-al-petto-yoga

Torsione della schiena sdraiata
  • Sdraiata supina, porta le ginocchia al petto ed esegui un paio di respiri.
  • Stendi le braccia all’infuori in posizione T e lentamente porta le ginocchia verso destra. Una volta la suolo, gira la testa verso sinistra.
  • Mantieni la posizione per 5 respiri e senti la spina dorsale che si allunga.
  • Utilizza gli addominali per alzare le ginocchia verso il centro. Lentamente abbassa entrambe le ginocchia verso sinistra, ruotando la testa verso destra e conta per altri 5 respiri

torsione-schiena-sdraiata-yoga

Posizione del bambino felice
  • Supina, piega le ginocchia, con le mani tieni la pianta dei piedi che nel frattempo sono flessi. Le braccia sono esterne alle gambe.
  • Gentilmente utilizza la parte superiore del corpo, per portare le ginocchia verso il pavimento sotto le ascelle. Non tenere in tensione spalle e petto, ma rimani rilassata
  • Esegui 5 respiri

posizione-del-bambino-felice-yoga-png

Source: popsugar.com

10 modi per sbarazzarsi della pancetta

Per sbarazzarsi della pancetta, allenarsi e avere un buon piano alimentare è la strategia giusta. Tuttavia ci sono alcuni giorni in cui hai bisogno di un aiutino in più. Ecco dunque una serie di suggerimenti per sbarazzarti del gonfiore, disintossicarti e sentirti al top.

Sbarazzarsi della pancetta

  1. Allenati in maniera esplosiva. L’interval training è l’allenamento che produce più risultati quando si vuole bruciare grasso. Inserisci nel tuo schema di allenamento settimanale delle sessioni di HIIT o Tabata.
  2. Stai in piedi. Una buona postura aiuta l’addome a sembrare piatto
  3. Allena la mid section. Esegui degli esercizi che allenano l’addome e la schiena per una vita più sottile. Consiglio: aggiungi i plank ad ogni workout
  4. 150 minuti. E’ il tempo che ti serve ogni settimana per iniziare a sbarazzarti del grasso in eccesso sull’addome.
  5. 200. E’ il numero di calorie che bruci dopo 2 minuti 1/2 di attività intensa.

Leggings VIGG – clicca per acquistare

Perché mi sento sempre gonfia?

Perché mi sento sempre gonfia? Quante volte ti sarai fatta questa domanda. Magari al mattino appena sveglia. Siamo felice di informarti che non sei la sola. Uno studio realizzato dall’università di Medicina di Chicago sostiene che molti pazienti si sentono in questa stessa condizione e per darne prova addirittura si cimentano in selfie che dimostrano come lo stomaco si gonfi in maniera evidente. Lo studioso che ha condotto la ricerca, David T. Rubin, sostiene che la sensazione di gonfiore dovuto a gas e aria in eccesso nel tratto digestivo, va ben oltre il cibo che consumiamo e riguarda molto di più alcune cattive abitudini di cui faremmo meglio a sbarazzarci.

Legging Night Sparkle Terez – Clicca per acquistare

Ecco, dunque una risposta alla tua domanda perché mi sento sempre gonfia.

Mastichi troppe gomme : Molte persone ricorrono alle gomme da masticare tra i pasti, ma quando mastichi senza ingoiare, di fatto ingerisci anche aria. Inoltre non solo molte gomme contengono aria e zuccheri, ma tutta quell’aria in più mette in subbuglio tutto il tuo intestino. Leggi anche 6 motivi che ti terranno lontana dalle gomme da masticare

Ingurgiti i pasti:  La digestione parte dalla bocca spiega, non nello stomaco spiega Rania Batayneh, M.P.H., autore di The One One One Diet: The Simple 1:1:1. Quindi quando mangi troppo velocemente il tuo corpo deve fare un ulteriore lavoro per digerire quelle grosse quantità di cibo, il che implica la formazione di gas

Bevi dalla cannuccia: La prossima volta che bevi, cerca di farlo direttamente dal bicchiere- Ogni volta che bevi tramite la cannuccia, in bocca arriva prima l’aria e poi ciò che hai intenzione di bere.

Russi o dormi respirando a bocca aperta: Sentirsi sempre gonfia a prima mattina può dipendere dal fatto che durante la notte russi o comunque respiri a bocca aperta durante la notte. Il legame è stato notato analizzando pazienti che soffrono di apnea notturna e che normalmente hanno la sensazione di gonfiore appena svegli la mattina. Leggi anche 5 falsi miti sul sonno

Mangi troppe fibre: Le fibre sono un alimento fondamentale se si sta cercando di mangiare in maniera più corretta. Tuttavia aumentare all’improvviso la quantità di fibre all’interno del proprio piano alimentare, comporta un aumento di aria nello stomaco. La cosa da fare quindi è inserirle a piccole dosi nella propria alimentazione. Inoltre fai attenzione che le fibre ingerite siano di origine vegetale o provengano da grani non processati. Molti snack preconfezionati sono fortificati con insulina che può essere difficile da digerire.

Sei perennemente stressata: Chiaramente molti dei comportamene descritti sopra possono essere causati dallo stress. Ci sono molti modi per combatterlo ad esempio leggi qui



Cosa mangiare per una pancia piatta? Ecco la lista dei migliori e peggiori cibi

Impara quali sono i cibi sani e nutrienti, battendo sul tempo in tuoi gonfiori di pancia.

Best Food: yogurt normale o greco

Tutti sappiamo che lo yogurt fa bene, ma sapevi che è ottimo anche per il mantenimento del ventre piatto e degli addominali? I batteri probiotici dello yogurt aiutano a mantenere il sistema digerente in salute, che significa meno gonfiore e costipazione.

Worst Food: bevande gassate
Riempiono la pancia d’aria, impedendo allo stomaco di stare disteso. Bevi tantissima acqua o bevande ricche di antiossidanti e a basso contenuto calorico come il tè verde (che riducono l’infiammazione correlata all’aumento
dei depositi di grasso sull’addome)

Best Food: verdure
Come i broccoli, cavolini di Bruxelles, asparagi, peperoni e fagioli gialli, che contengono vitamine A, C e K, così come acido folico, beta-carotene, calcio, magnesio e fibre.

Worst Food: carboidrati raffinati
Stai lontana da farine bianche e riso bianco che digeriti molto rapidamente, causano picchi di zucchero e insulina nel sangue, che portano a un conseguente aumento del grasso localizzato nella zona addominale.

Best Food: cereali integrali
Sostituisci pane bianco e riso con cereali integrali: ad esempio 100% pane integrale, lenticchie e riso integrale. Un recente studio dell’American Journal of Clinical Nutrition ha dimostrato che una dieta a calorie controllate ricca di cereali integrali taglia il livello di grasso corporeo nei soggetti obesi. Anche questo può essere dovuto alla risposta insulinica più bassa con i cereali integrali rispetto i carboidrati raffinati. Leggi anche Il pane alternativo in casa: pane alle zucchine e mandorle

Worst Food: cibi salati
Ti sei mai chiesta perché ti senti gonfia dopo aver mangiato sushi e salsa di soia? Mangiare cibi ad alto contenuto di sodio può portare alla ritenzione di liquidi. Si raccomanda di consumare meno di 2000 mg di sodio al giorno. Leggi anche 5 campanelli d’allarme che sei dipendente dal cibo spazzatura

Best Food: grassi monoinsaturi
Un’alimentazione ricca di grassi monoinsaturi (l’olio d’oliva) può aiutare a perdere il grasso della pancia, non modificando di troppo il tuo apporto calorico giornaliero.

Best Food: aceto
Uno studio giapponese ha trovato che le persone in sovrappeso che consumavano 1 o 2 cucchiai di aceto di mele al giorno per 12 settimane mostravano una significativa diminuzione di peso corporeo, BMI (indice di massa corporea), di massa grassa e circonferenza vita rispetto al gruppo di controllo che non consumava l’aceto.

Clicca per visitare lo shop