Articoli

14 stati emotivi del tenere traccia delle calorie

Come tutti gli esperti e i nutrizionisti sostengono, per perdere peso è necessario tenere traccia delle calorie. E’ interessante quindi notare l’evoluzione degli stati emotivi che si manifestano durante l’utilizzo di app che ti permettono di tenere traccia di cosa mangi durante la giornata.

E se ancora non sei nel club delle food app, ecco cosa ti aspetta.

Leggings terez – clicca per acquistare

14 stati emotivi del tenere traccia delle calorie

Appena effettui la registrazione ti senti super eccitata. La tua vita sta per cambiare! Perderai peso, il tubino nero ti entrerà di nuovo, la tua pelle diventerà fantastica e così via

Diligentemente inserisci tutte le calorie ingerite il giorno prima e Omiodio!!!! Quante calorie ha il succo di frutta bio che hai comprato ieri?  Il tutto mentre cerchi di non pensare a quel giorno in cui hai fatto due volte colazione.

Improvvisamente ti sale la dipendenza da app: aggiungi le calorie del morso di panino che hai preso dalla tua amica, crei nuove voci per tutti gli alimenti che non sono presenti nell’app…

Segui Fit ‘n Food su Instagram

 

Qualcosa però non va. Perché ci sono così tante voci per l’alimento “mela”? E apparentemente la spunta blu della verifica, non vuol dire niente.

Inizi quindi a mettere in dubbio le formule utilizzare per calcolare le calorie. Cioè 1200 calorie? Di solito le mangi entro le 15:00.

Ti convinci quindi che stai per morire. Non hai mai nemmeno una volta raggiunto il fabbisogno giornaliero di ferro o calcio? E’ probabilmente una cosa negativa, giusto?

L’app va giù per qualche secondo dopo pranzo e ricarichi la pagina ossessivamente per vedere se si è ripresa. Per un minuto hai pensato che il cuore ti uscisse fuori dal petto dallo spavento.

Ignori il conteggio di calorie durante il weekend. I cheat days, hai sentito dire, sono da farsi assolutamente.

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

 

Controllo delle porzioni? Ma di che stiamo parlando? Anzi ad essere un po’ più generosa in termini di dimensioni quando si tratta di quel bicchiere in più di vino e il cucchiaino di burro di arachidi improvvisamente si duplica. Da solo.

Inizi a dare i primi segni di cedimento. Inserisci solo gli alimenti che riportano il contenuto calorico più basso. Non aggiungi il bicchiere di vino (probabilmente l’hai eliminato già tutto). All’improvviso ti dimentichi di caricare sull’app qualsiasi alimento ingerito dopo pranzo.

Ti penti amaramente della giornata appena trascorsa. Ovvero: non era meglio quando riuscivi a guardare una mela in termini di semplice alimento, invece di calcolarne automaticamente calorie e macro?

Ti ritrovi così ad aver rimesso su peso e ritorni sui tuoi passi. Per un giorno. Quando hai iniziato era più divertente.

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

 

Dopo alcune ricerche sul TDEE (totale dispendio di energia giornaliero) modifichi manualmente il tuo fabbisogno calorico. Vedi la luce alla fine del tunnel.

Trovi finalmente il tuo equilibrio. Riprendi a inserire tutto pasti, snack, acqua. I dessert, beh quelli dipende

 



Vocabolario alimentare: quello che i nutrizionisti non tollerano

Ci sono alcune parole del vocabolario alimentare che in realtà ai nutrizionisti farebbero rizzare la pelle. Sono parole che vengono comunemente usate ma che in realtà sono possono lasciare troppo spazio all’interpretazione dei non addetti ai lavori.

vocabolario-alimentare

Ecco quindi le frasi e parole che i nutrizionisti bandirebbero dal vocabolario alimentare

Sbarazzarsi della pancetta. Sarebbe stupendo se si riuscisse a sbarazzarsi del grasso addominale con un pulsante. In realtà non è così: Il tuo corpo tende a perdere peso da tutte le aree proporzionalmente. Il grasso della pancia, alias grasso viscerale, è associata a gravi complicazioni di salute, come problemi cardiaci. Gli uomini sono in realtà noti per avere maggiore presenza di grasso della pancia rispetto alle donne, e le donne accumulano la maggior parte del peso in eccesso su  fianchi e glutei.

Dieta. Parola di 5 lettere che deve essere bandita dal vocabolario di tutti. Le diete non funzionano, la loro stessa natura è temporanea e ingannevole, e ti prepara per la privazione piuttosto che una sana alimentazione per tutta la vita.

Senza sensi di colpa. Preferire sempre la qualità è l’imperativo e insinuare che dall’altro lato della medaglia dovrebbe esserci il senso di colpa, è semplicemente un approccio sbagliato. Non ci si dovrebbe sentire  colpevoli quando si tratta di scelte alimentari.

Cibi brucia grassi. Quelle tre piccole parole vengono spesso fraintese e intese come se esistesse una tipologia di cibo che scioglie letteralmente il grasso dal corpo.

ananas

Cheat day. Se il tuo piano alimentare è così restrittivo che hai bisogno di una giornata intera per mangiare tutto quello che normalmente non ti è consentito avere, probabilmente si tratta di un approccio non sostenibile nel lungo periodo.

Cibo cattivo.  Parlare di cibo cattivo è tendenzialmente sbagliato-. Quando si eliminano cibi come latticini e carboidrati si fa un errore grossolano, poiché sono ricchi di nutrienti.”

Detox. Non è necessario sottoporsi a diete di soli liquidi per disintossicarsi. Esistono reni e fegato per questo.

Tossine. Le parole tossico  e tossine inducono la gente a pensare che ci siano scorie nucleari nel loro cibo. Alcuni alimenti devono essere limitati, ma non sono velenose per il corpo e non c’è bisogno di evitarli del tutto.

Superfood. Mentre il termine è nato come un modo per mettere in evidenza gli alimenti che promuovono benefici per la salute, la sua mancanza di regolamentazione lo ha trasformato in uno dei termini più abusati nel mondo della nutrizione e della salute. Ora è utilizzato principalmente come una tattica di marketing per migliorare le vendite di un prodotto. Invece di mettere tanta enfasi sul mangiare un particolare superfood, l’obiettivo è quello di includere una grande varietà di frutta e verdura.

Non mangiare niente di bianco. Non giudicare la qualità nutrizionale di un alimento esclusivamente dal suo colore.

riso-bianco

Naturale. Solo perché qualcosa è etichettato come naturale, è automaticamente una scelta più sana. Questo può essere fuorviante e portare a persone che consumano una quantità eccessiva di un determinato cibo, quando in realtà non ha alcun beneficio nutrizionale.

Tutto organico. Mangiare biologico non è necessariamente l’opzione migliore per te. Le persone possono mangiare tutti i cibi biologici, non-OGM confezionati e non una frutta o verdura. Una dieta equilibrata è ciò che è importante

Senza carboidrati. In molti sono fan della dieta povera di carboidrati o tendendo ad eliminare i carboidrati in toto senza sapere cosa sia un carboidrato. Per la cronaca, frutta e verdura sono entrambi carboidrati e fanno decisamente bene. Leggi anche: 6 carboidrati per mantenerti in forma

Source: shape.com



Cheat meal vs Cheat day

Cheat meal vs Cheat day. Chiedi a persone estremamente impegnate a seguire un’alimentazione corretta, ai trainer, agli atleti e perfino Beyonce, e scoprirai che anche loro prendono un giorno di pausa da un alimentazione estremamente regolata. Ora ,la cosa che cambia da persona a persona è il modo in cui questa giornata off prende forma: può essere un bicchiere di vino la sera una cena piuttosto succulenta il venerdì sera o tutta una domenica. Ma cosa accade al corpo durante il cheat day?

Per le persone che giornalmente ingeriscono abbondanza di calorie (rispetto a chi invece la riduce) un piccolo “sgarro” non dovrebbe avere un peso eccessivo sugli ormoni che regolano l’appetito.

“Ormoni come la leptina prevengono gli attacchi di fame, nulla di significativo  quindi succede a chi già ingerisce abbastanza calorie per giorno” dice Ryan Andrews di Precision Nutrition. “Se si consuma la quantità energetica necessaria giornalmente e poi si mangia leggermente in più, il corpo è in grado di riequilibrarsi e non accade nulla di significativo.”

Anche l’ago della bilancia non si muoverà. “il corpo sembra avere una sorta di ampio raggio d’azione all’interno del quale muoversi e quando si è leggermente sopra o sotto i propri fabbisogni giornalieri, riesce a compensare e lasciare le cose così come sono per prevenire perdita o aggiunta di peso. Se invece si mangia un po’ troppo un giorno dopo l’altro, chiaramente si finisce per guadagnare peso”.

Ovviamente questo  ci fa comprendere l’importanza di un cheat meal programmato piuttosto che un intero cheat day.  “Sono un grande fan di tutte le tecniche che ti permettono di avere controllo sull’intake di calorie generale. Se questo vuol dire attendere un venerdì o un sabato per un gelato o una pizza, ben venga. Sarebbe meraviglioso se le persone capissero la differenza tra il mangiare leggermente in più il sabato piuttosto che sottoporsi ad una mega mangiata forzata in un cheat day. E’ proprio quando un singolo pasto con un maggiore intake calorico diventa una giornata che si va fuori controllo”.

Nuovi arrivi ogni settimana – clicca per acquistare

L’altra faccia della medaglia è tutta psicologica: potresti perdere tutto il gusto del mangiare sano durante la settimana. Mi spiego: se il sabato vai fuori controllo, il resto della settimana diventa un purgatorio di privazioni. “spesso quando ci priviamo di un cibo, questo diventa oggetto dei nostri desideri. Quindi se ti piacciono ad esempio le patate durante il cheat day sarai portato a mangiare solo patate perchè sai che non potrai toccarle per il resto degli altri sei giorni. Che ne pensi invece di cercare di inserire delle quantità ragionevoli di patate durante la settimana? Non sarebbe meglio?”

source: furthermore.com