Articoli

Rassodare le braccia: l’esercizio per le braccia per eliminare l’effetto tendina

Di la verità in palestra hai sempre messo in secondo piano l’allenamento per rassodare le braccia, per eseguire qualche squat in più o eseguire una sessione di cardio per bruciare un po’ di calorie.

Sbagliatissimo! Per eliminare l’effetto tendina e rassodare le braccia non hai bisogno di un numero infinito di esercizi, puoi infatti iniziare da uno degli esercizi per le braccia più conosciuti, imparandolo ad eseguire in maniera corretta. Puoi tranquillamente aggiungerlo alla tua routine di allenamento e non hai necessariamente bisogno della palestra per eseguirli, basta una sedia per eseguirlo.

Ricordati inoltre che allenare le braccia e tenere tonici i muscoli della parte alta del corpo, ti permetterà di avere una postura corretta e sollevare carichi più pesanti. Pensa a quanto potrai migliorare le tue prestazioni negli stacchi ad esempio, visto che sappiamo che sei una fanatica dell’allenamento dei glutei.

Rassodare le braccia. L’esercizio per le braccia per eliminare l’effetto tendina. Il Triceps dips.

  • Inizia con il posizionare le mani sulla punta di un box o sedia o panca, facendo molta attenzione a mantenere le braccia dritte e le spalle distanziate
  • Ricordati che le gambe devono essere distese davanti a te
  • Tieni la testa, spalle e sedere perfettamente allineate, e la schiena deve solo leggermente sfiorare il box
  • Piega i gomiti fino a che non formino un angolo di 90°, e lentamente tirati su.
  • Questa vale come una ripetizione

Presta attenzione:

Il punto massimo a cui dovresti tendere nel piegare i gomiti e scendere verso il pavimento, sono i 90° formati con le spalle. Se provi a scendere oltre, sappi che ti esponi a rischio infortunio.

Se la posizione della schiena è curva e non perfettamente allineata con spalle e glutei, stai praticamente rimuovendo tutta la tensione dai muscoli che dovrebbero in realtà lavorare. E questo può solo compromettere il raggiungimento dei risultati.



Braccia più forti: 4 mosse per tricipiti super tonici

Allenare le braccia in maniera tale da ottenere risultati evidenti, è sempre problematico soprattutto per noi donne. Di seguito troverai 4 mosse efficaci per allenare i tuoi tricipiti ovvero la parte posteriore del braccio e ottenere braccia più forti.

braccia più forti - health.com

4 mosse per braccia più forti e tricipiti super tonici

Skullcrusher

skullcrusher - oxygen.com

Questo esercizio prende di mira capo lungo e capo laterale del tricipite. Inizia con il bilanciare (barbell) disteso sopra la testa, e successivamente piega i gomiti. Assicurati che i tricipiti  siano perpendicolari al pavimento. Fermati quando il bilanciere si trova a pochi centimetri di distanza dalla fronte, e ritorna nella posizione di partenza. Se sei alle prime armi, utilizza un bilanciere scarico, ovvero senza pesi.

Pressdown per Tricipiti

Pressdown per tricipiti - oxigen.com

Questa è una delle mosse più classiche per far lavorare il muscolo in questione, per una una semplice ragione: funziona. E’ un esercizio molto versatile: utilizzare un’impugnatura diversa o un manubrio diverso ti daranno un esercizio completamente diverso. La prima cosa da ricordare è di mantenere le scapole basse e la parte superiore delle braccia tesa attaccata al resto del corpo quando stendi le braccia verso il basso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: ALLENARE LE BRACCIA PER SUPERARE LA PROVA SALE E PEPE

Estensione del bilanciere sopra la testa

Barbell sopra la testa -Oxigenmag.com

Puoi utilizzare sia il bilanciere che dei manubri, ma qui ti proponiamo la versione con il barbell perchè spesso noi donne ci teniamo lontane dall’attrezzo. La tipologia di movimento è simile allo skullcruscher, ma i muscoli addominali sono maggiormente coinvolti per via della posizione del busto. Una piccola accortezza da tenere: i gomiti non devono dare una sensazione di eccessivo bruciore quando porti il barbell verso il basso.

Parallel dip

Parallel dip - oxigenmag.com

Anticipazione: questa mossa fatta semplicemente con il peso del corpo, può essere estremamente difficile da eseguire all’inizio. cerca di eseguirla all’inizio del tuo workout quando i muscoli sono ancora belli freschi, e cerca di trovare una struttura con delle barre vicine. Le mani dovrebbero essere aperte a larghezza spalle. Piega le braccia e abbassa il corpo, e focalizzati sulla contrazione dei bicipiti mentre sforzi le braccia per ritornare nella posizione di partenza.

Source: oxygenmag.com





Rassodare le braccia per superare la prova “sale e pepe”

Rassodare le braccia, per superare la famosa prova “sale e pepe” richiede tempo e costanza. Ci sono tuttavia una serie di esercizi che puoi eseguire per raggiungere l’obiettivo. Eccone due, da inserire nel tuo programma di allenamento.

Iscriviti alla newsletter e ottieni il 15% di sconto sul primo acquisto e la spedizione gratuita

Rassodare le braccia per superare la prova “sale e pepe”

Push Up: ovviamente non c’è bisogno di nessun tipo di attrezzo. Mettiti con la pancia piatta al suolo, il peso dovrebbe essere sul petto. Posiziona le braccia a larghezza spalle con i palmi che fanno pressione sul suolo. I gomiti devono essere rivolti verso i piedi. Molto importante è assumere una posizione che ti permetta di eseguire l’esercizio. Se sei già un po’ allenata, puoi provare a distendere le gambe all’indietro facendo pressione sull’avampiede. Se invece ti stai approcciando per la prima volta all’esercizio, puoi portare all’indietro le gambe e fare leve sulle ginocchia. In entrambe i casi, la posizione della parte superiore non cambia.

A questo punto solleva il corpo supportato delle mani e dai piedi o ginocchia. Cerca di tenere una posizione retta con la schiena, contrai gli addominali e attenta a che i fianchi non si muovano. Una volta eseguito il movimento ritornare nella posizione di partenza.

Atleta: Adele Vicinanza

Triceps Dip: Utilizza una panca, sedia o uno step che sia stabile e resistente in maniera tale che possa reggere il tuo peso. Le braccia e le mani dovrebbero essere coprire un’apertura pari alla larghezza delle spalle, i gomiti devono sono rivolti all’indietro leggermente piegati. Le gambe distese davanti a te leggermente piegate alle ginocchia. Lentamente porta il corpo verso il basso, finchè le spalle si posizionano al ti sotto dei gomiti.

Una volta terminato il movimento, spingete il corpo verso l’alto finché i gomiti sono quasi dritti ma senza bloccarli.