Articoli

Massa magra: 6 errori da evitare per vedere risultati

Ricapitolando: vai in palestra tutti i giorni, e sei ad un punto in cui ormai dovresti vedere i tanto agognati risultati ma niente, le braccia non acquistano definizione, il tuo lato B fatica a sollevarsi. Cosa stai sbagliando. Potresti iniziare ad esempio con l’utilizzare carichi più pesanti, aumentare le ripetizioni oppure inserire più movimenti composti nella tua routine.

Ecco però i 6 errori da evitare per vedere i risultati

Ti affidi ai soliti esercizi di sempre

Tutte amiamo gli squat, gli affondi, e via discorrendo ma è ora di movimentare un po’ le cose. In effetti ripetendo sempre gli stessi movimenti, non darai tempo ai muscoli di ripararsi. Inoltre il corpo facilmente si adatta ai movimenti. Variare l’allenamento e tenere i muscoli sull’attenti può essere un modo per aumentare la massa magra.

Sollevi sempre gli stessi carichi

Se sei affezionata ai pesetti da 2-3 kg, e ora di metterli da parte. Aumentare i carichi permette la costruzione di massa muscolare e un aumento della forza. Per capire quando è il momento di aumentare i pesi, leggi qui.

Esegui sempre lo stesso numero di ripetizioni

Non sempre la soluzione è sollevare carichi più pesanti. Se vuoi aumentare al forza muscolare, aumentare il numero di ripetizioni può essere ugualmente efficace. L’importante è seguire il criterio per cui i muscoli devono sentirsi affaticati a fine esercizio.

Lilybod Reggiseno sportivo Ivy Mirage – clicca per acquistare

Ti focalizzi troppo sull’allenamento degli addominali

Dedicare alcune sessioni all’allenamento degli addominali, è ok. Ma uccidersi di crunch per tentare di fare uscire la “tartaruga” non è il modo migliore pr costruire un addome forte. Come fare allora? eseguire movimenti composti come ad esempio il kettlebel swing, oppure gli stacchi.

Hai troppe sessioni di cardio in programma

Il cardio è fantastico quando si tratta di bruciare calorie. Ma per costruire forza e raggiungere un buon livello di definizione, che renda giustizia ai tuoi duri allenamenti in palestra, devi aumentare le sessioni di resistenza muscolare e abbandonare quelle estenuanti e lunghissime corse sul tappeto. Prova quindi l’allenamento HIIT 2-3 volte a settimana.

Non modifichi l’intensità dei tuoi allenamenti

Secondo uno studio aumentare l’intensità durante l’esecuzione di movimenti come gli stacchi o il bench press può portare ad impegnare più fibre muscolari e quindi aiutarti a raggiungere il tuo obiettivo di aumentare la massa magra.



Circuito di allenamento bodyweight gambe toniche

Il circuito di allenamento bodyweight gambe toniche, ti aiuterà a mantenere le gambe allenate anche durante il periodo estivo. Non ti serve nessun tipo di attrezzatura, fatta eccezione per la stability ball che puoi sostituire tranquillamente con una sedia, una panchina, un lettino da spiaggia, a seconda del luogo che scegli per allenarti. Esegui ogni dalle 20 alle 30 ripetizioni e ripeti l’intero circuito dalle 2 alle 3 volte.

Iscriviti alla newsletter per ottenere il 10% di sconto

Circuito di allenamento bodyweight gambe toniche

Pliè su punte dei piedi. Esegui un pliè (molto simile al sumo squat) e mantenendo la posizione solleva il tallone destro. Abbassa il tallone destro e solleva quello sinistro. Il tutto in un movimento fluido. Datti equilibrio mantenendo le braccia aperte, ma se propio non riesci posiziona un bastone davanti al corpo impugnandolo con entrambe le mani.

Squat ad una gamba su stability ball. La stability ball è un accessorio all’esercizio per aumentare il grado di difficoltà, ma l’esercizio può essere eseguito utilizzando una panca o anche una sedia.

Skater. L’esercizio prende il nome dal mondo del pattinaggio. E’ un esercizio molto dinamico totalbody, che richiede un certo grado di coordinazione tra le diverse parti del corpo.

Affondo in avanti con torsione. I benefici degli affondi sono noti a  tutti. Non ruotare eccessivamente busto cerca di mantenere sempre un certo grado di controllo durante l’esecuzione del movimento.

Affondo pulsato. Con questo esercizio sentirai le tue cosce bruciare letteralmente. Esegui due pulsazioni e poi ritorna in posizione retta. Allena prima una gamba e poi l’altra eseguendo il numero di ripetizioni consigliato.

Sumo squat con sollevamento laterale della gamba. Questo esercizio può essere tranquillamente inserito anche in una routine di allenamento cardio. E’ un esercizio totalbody che oltre ad allenare le gambe ti permette di allenare anche gli addominali.

Affondo laterale con sollevamento frontale del ginocchio. L’esercizio richiede coordinazione ed equilibrio. Fai attenzione a che il ginocchio non oltrepassi mai la punta del piede e per darti maggiore equilibrio utilizza le braccia facendo si che seguano il movimento.



Allenamento: goblet squat con peso per glutei top

Se non squatti, difficilmente migliorerai il tuo lato B.  Il goblet squat con peso è uno di quegli esercizi a cui dovresti dare una chance. Ovviamente presta sempre attenzione alla forma e se sei alle prime armi fatti aiutare da un trainer, è un movimento potenzialmente pericoloso quando c’è perdita di  equilibrio.

Nuovi arrivi ogni settimana – 10% off con iscrizione alla newsletter.

Goblet Squat con peso

Se non hai mai eseguito l’esercizio ti conviene iniziare senza pesi, se invece hai un livello medio della conoscenza dell’esercizio, puoi performarlo aggiugnendo pesi.

Source: pinterest

Per eseguire un goblet squat, è necessario un kettlebell, manubrio, o medicine ball. Hai ampia scelta. Fondamentalmente per eseguire un buon goblet squat bisogna tenere il busto dritto e  raggiungere una posizione “seduta” tenendo il busto tra le gambe.  Per eseguire il movimento in maniera impeccabile, devi ricordarti di:

  • Tenere i piedi piatti
  • Gonfiare il petto
  • Tenere le braccia contro il corpo
  • Tenere la parte superiore della schiena attiva
  • Stare dritto
  • Sederti tra le gambe
  • Spingi le ginocchia in direzioni opposte

I movimenti sono facili e ampi

PRO del goblet squaT
  • Facile da imparare
  • Addominali, quadricipiti e muscoli della schiena sono attivi
  • Insegna la resistenza contro il collasso in avanti
  • Sentirai la schiena più ferma



Calzedonia fitness: vita attiva e allenamento al femminile

Ci ha fatto amare tutti i tipi di calze dai collant super sexy ai calzini per tutti i giorni. Ha vestito le nostre estati con brasiliane color block, che tutte quante noi abbiamo indossato almeno una volta nella vita. Sempre attenta ai trend non poteva farsi sfuggire quello del fitness, lanciando una linea interamente dedicata alle amanti della vita attiva. Stiamo parlando di Calzedonia fitness.

base-body-babes-calzedonia-fitness

La collezione, come il brand, si estende al di fuori dei confini nazionali: infatti per il lancio sono state coinvolte le australiane e Instagram fitspo Base Body Babe, la talentuosissima ballerina italiana Elena D’Amario e la Yoga teacher Areal Lynn.

Andando nel dettaglio della collezione, troviamo leggings con citazioni motivazionali, crop top e tank top dal nero, grigio  per arrivare alle stampe colorate. Non mancano dettagli blu e fucsia.

Una particolare attenzione la merita il leggings Push Up. Ovviamente per battere la forza di gravità o la vita da scrivania, dovrai affidarti principalmente a ore di duro lavoro in palestra, ma grazie al tessuto performance stretch, alle cuciture piatte ed il supporto per i glutei, i leggings Push Up ti daranno un comfort totale per eseguire al meglio i movimenti più complessi.

elena-damario-calzedonia-fitness

Inoltre per le più timide di noi, Calzedonia ha pensato alla tecnologia Control Top. Certo non tutte si sentono a proprio agio con crop top, pur essendo davvero trendy, e di sicuro i leggings control top (che ti regalano l’effetto pancia piatta) calzano proprio a pennello!

Approfondimento: il ruolo dei pesi nell’allenamento femminile

Più del 90% delle ragazze/donne che si allena in palestra, peggiora anziché migliorare, perde la voglia, lo stimolo e non si sente a proprio agio tra bilancieri e manubri. Uno dei concetti più fraintesi, nel mondo del fitness, riguarda l’effetto dell’allenamento con sovraccarico sulle donne.

Approfitta del weekend con le offerte più sensazionali!

Il timore di diventare “grosse” non ha motivo di esistere, in quanto la percentuale di testosterone endogeno femminile è 30 volte inferiore rispetto a quella maschile. Il tutto sta a significare che, nonostante si frequenti la sala pesi anche 3-4 volte a settimana, per una donna è difficilissimo mettere massa muscolare di un certo livello. Il potenziale muscolare nelle donne può indurre maggior forza senza causare una marcata ipertrofia.

allenamento-femminile

Il ruolo dei pesi nell’allenamento femminile

Ebben, Jenasen, Fleck e Kramer sottolineano come le donne sottoposte ad un programma di allenamento orientato alla forza possano avere diversi vantaggi:

  • Aumentare la densità ossea; un elevato carico stimola, a livello osteoarticolare, la densità ossea (osteoblasti-osteoclasti).
  • Maggiore forza funzionale
  • Aumento della massa magra con miglioramento della composizione corporea
  • Aumento stabilità articolare con conseguente diminuzione degli infortuni
  • Migliora l’autostima

La donna è dotata di una fisicità che la predispone al concepimento. Questo, in poche parole, sta a significare che per proteggere il corpo in situazioni di emergenza l’organismo tende a trattenere quante più scorte possibili (ecco perché non dobbiamo metterlo in “allarme” con diete troppo povere di calorie e nutrienti). LLeggi anche: Mangiare e allenarsi bene ascolta le tue forme

Da qui si evince il motivo della differente ripartizione in % del grasso tra l’uomo e la donna. Questo si rispecchia anche nell’utilizzo del glucosio e ne deriva un importante ruolo dell’allenamento di forza nell’indirizzare questo substrato energetico verso il tessuto adiposo o i muscoli.

allenamento-femminile-1

Entrambi i tessuti infatti possiedono recettori (GLUT-4) per il glucosio dipendenti dall’insulina,quando questa viene stimolata il glucosio o “zucchero”, viene indirizzato a questi tessuti. Nelle donne, in cui la massa grassa è maggiore, tenderà ad andare verso il tessuto adiposo. Per questo un allenamento per la “forza” aumenterà la densità dei recettori GLUT-4 nel tessuto muscolare richiamando glucosio e migliorando di conseguenza la composizione corporea.

Capire come funziona il nostro corpo ci darà modo, col tempo e le dovute “prove”, di trovare tipologia di allenamento ideale per ciascuna di noi.