6 falsi miti sugli addominali a cui non dovresti credere

Queste le avrai sentite di sicuro: “i crunch non servono a nulla” oppure “dovresti aggiungere dei pesi alla tua routine” o “anche in realtà dovresti focalizzarti maggiormente sul rinforzamento muscolare della schiena”.

Bene, volendole stare a sentire tutte, probabilmente avresti perso già moltissimo del tuo prezioso tempo e ti ritroveresti solo più confusa di prima. Per cui, fai un bel respiro, calcola due minuti per leggere l’articolo e in men che non si dica vedrai la luce alla fine del tunnel sulla questione addominali, che in vista dell’estate ti sta tanto a cuore.

Nuovi arrivi ogni settimana – 10% off con iscrizione alla newsletter.

6 falsi miti sugli addominali a cui non dovresti credere

Gli esercizi più efficaci per gli addominali, vanno eseguiti per terra. Non è perchè ti guardi costantemente lo stomaco, che quegli esercizi sono efficaci. In realtà l’efficacia deriva dal compiere dei movimenti ampi che mettano alla prova tutto il corpo.

Mantenere la posizione di plank per secoli. Non c’è nulla di sbagliato nell’eseguire un plank classico, ma se davvero vuoi massimizzare lo sforzo, ti conviene inserire dei movimenti e quindi optare per delle variazioni di plank.

I crunch sono totalmente inutili. In effetti i crunch sono stati piuttosto bistrattati da qualche anno a questa parte, in favore di altre tipologie di movimenti. In realtà non c’è nulla di sbagliato nei crunch, ma l’efficacia dipende dal modo in cui li esegui.

Più ne fai e meglio è quando si tratta di addominali. Non tutti sanno, che quando si eseguono esercizi come affondi, squat e press gli addominali sono già al lavoro. Il segreto degli esperti? Allenare ulteriormente in maniera specifica l’addome tre volte a settimana per 15-30 minuti.

Terez Legging con teschio – clicca per acquistare

Gli addominali scolpiti si ottengono in palestra e in cucina. E’ parzialmente vero, nel senso che ci sono altri fattori che contribuiscono e supportano la buona riuscita di un piano alimentare e di allenamento, ad esempio il riposo e in generale il sonno.

La respirazione è importante solo per chi pratica yoga. C’è una differenza sostanziale tra l’attivazione muscolare e semplicemente “strizzare” gli addominali. Il secondo caso si verifica quando le persone trattengono il respiro. In realtà dovrebbe essere il respiro a guidare il movimento.



Commenta su Facebook
fitinhub
Seguici su

fitinhub

Squad - Fit In Hub at Fit In Hub
Portatrice sana di info su Fitness, Activewear, Ricette Alternative e Beauty
fitinhub
Seguici su