Occhio alla linea e organizzazione pasti: quante volte al giorno mangio?

Occhio alla linea e organizzazione pasti: quante volte al giorno mangio?
fitinhub
Seguici su

fitinhub

Squad - Fit In Hub at Fit In Hub
Portatrice sana di info su Fitness, Activewear, Ricette Alternative e Beauty
fitinhub
Seguici su

Può essere difficile sapere quanto spesso dovresti mangiare, soprattutto se cerchi di dare un occhio alla forma fisica. Sentiamo da anni che l’ideale è mangiare cinque o sei volte al giorno ma, questa, è anche una cosa scoraggiante. Chi mai ha il tempo di pensare, pianificare e preparare per tempo tutto?  Il tema è hot, occhio alla linea e organizzazione pasti: quante volte al giorno bisognerebbe mangiare?

Occhio alla linea e organizzazione pasti: quante volte al giorno mangio?

Occhio alla linea e organizzazione pasti: quante volte al giorno mangio?

Secondo l’esperto nutrizionista e fitness Brian St. Pierre della Precision Nutrition, questa idea di mangiare più mini-pasti ogni giorno era basata su primissime ricerche secondo cui si dà al corpo una maggiore spinta metabolica generale. Tuttavia, è sempre l’assunzione totale di calorie e grassi che conta. Ad esempio, un maschio che richiede 3.000 calorie al giorno potrebbe mangiare sei pasti da  500 calorie o tre pasti di 1000 calorie, che si tradurrebbe in sei piccole spinte metaboliche rispetto a tre aumenti metabolici più grandi. Alla fine della giornata, tuttavia, l’effetto sarebbe uguale. St. Pierre spiega, che ci possono essere problemi con entrambe le strategie. Con lo scenario da sei volte al giorno, si mangia spesso ogni due o tre ore eppure ci si può sentire perennemente insoddisfatti. Dall’altro lato, mangiare troppo di rado, con lunghi periodi di tempo tra i pasti, può portare a scelte sbagliate ed eccesso di cibo.

Il segreto è nell’equilibrio. Il consiglio è di mangiare circa quattro volte al giorno. In questo modo hai meno bisogno di preparare i pasti. Puoi fare colazione a casa, pranzare al lavoro portando qualcosa da casa, e poi ricenare a casa.  E’ una buona regola generale, ma la scelta migliore da prendere è – SEMPRE –  capire ciò che funziona per te.

Identificare la frequenza del pasto ideale può richiedere un po’ di ritocchi. Ecco i suggerimenti:

Verificare gli appuntamenti programmati, giorno per giorno.

Qual è il tuo incastro perfetto con il tipo di lavoro che hai? Dimentica ciò che hai letto e capisci che cosa si inserisce meglio nella tua vita quotidiana. I piccoli pasti snack funzionano meglio se il tuo lavoro è un lavoro dinamico, lontano dalla scrivania e sempre in giro.

preparazione-pasti

Domandati: cosa istintivamente si avvicina alle tue preferenze.

Non c’è il bisogno fisiologico di uno spuntino tra i pasti a meno che così facendo, questo ti aiuta a non mangiare troppo durante i pasti principali.

Fai un test per due settimane, poi valuta i risultati.

Senti davvero il bisogno di mangiare cinque volte al giorno o quattro volte ? Se è così, il tuo piano sarà questo. Altrimenti, dovrai regolarti di conseguenza, con la rimozione di un pasto o l’aggiunta. L’importante è capire se ti senti costantemente affamato o se devi gestire in modo diverso le dimensioni dei pasti.

Usa altre due settimane aggiuntive per fare aggiustamenti e rettifiche. Rientra con questa nuova routine alimentare nel tuo “flusso di vita quotidiano” e capisci ancora una volta se la scelta che hai fatto è quella che “veste” meglio i tuoi panni. Se è così, allora hai trovato il tuo nuovo equilibrio, e stai rispondendo a ciò che ti chiede il tuo fisico .

Considera che le tue giornate varieranno nelle abitudini quotidiane, se andrai incontro a dei grandi cambiamenti di vita, come il passaggio da un posto di lavoro a un altro, è ovvio che tutto questo avrà dei risvolti significativi anche nell’organizzazione del tuo piano alimentare, e avrai bisogno di futuri adeguamenti.

source: furthermore.equinox.com