La classifica degli zuccheri dal migliore al peggiore

fitinhub
Seguici su

fitinhub

Squad - Fit In Hub at Fit In Hub
Portatrice sana di info su Fitness, Activewear, Ricette Alternative e Beauty
fitinhub
Seguici su

Quando si parla di zuccheri, il primo meccanismo che si attiva è senz’altro quello dell’acquolina in bocca. Tra la colazione all’italiana, tendenzialmente dolce, un quadratino di cioccolata il pomeriggio e i dolci della domenica, la nostra settimana prevede quasi ogni giorno una piccola ricompensa dolce.

classifica degli zuccheri

Considerazioni di carattere sociologico a parte, che si tratti di fruttosio, saccarosio o glucosio, gli effetti sulla nostra salute e forma fisica sono esattamente gli stessi. La differenza la fa la quantità di zuccheri ingeriti al giorno.

Determinare la quantità di zucchero giornaliera dipende dalle tue dimensioni, obiettivi e livello di attività. Se vuoi tenerti moderatamente allenata – diciamo intorno al 15% di massa grassa per gli uomini e intorno al 23- 25% di massa grassa per le donne – puoi dedicare circa il 5-10% delle calorie ingerite durante la giornata agli zuccheri. Se invece l’obiettivo è l’addome scolpito, devi diminuire la quantità di zucchero. Il consiglio è mangiare lo zucchero che preferisci con moderazione e lentamente.

Terez Stars Leggings – Clicca per acquistare

Di seguito una classifica degli zuccheri da tenere a mente

  1. Stevia. Sostituto naturale dello zucchero. derivato della pianta di stevia, è privo di calorie, non fa aumentare il livello di zuccheri nel sangue.
  2. Miele. Una combinazione leggera di fruttosio e glucosio. E’ caratterizzato da proprietà antibatteriche che possono essere usate ad esempio per combattere mal di gola. Alto in calorie e carboidrati.
  3. Zucchero di cocco. Saccarosio con alcuni nutrienti. E’ estratto dalla linfa dell’albero di cocco e subisce un minor numero di lavorazioni. Può contenere tracce di minerali come magnesio, potassio e inclina, una fibra probiotica. Alto in calorie.
  4. Zucchero di canna grezzo. Saccarosio. Spesso usato come dolcificante per il latte di mandorla, di canapa e di anacardi ed è una soluzione più salutare da usare per la preparazione di dolci.
  5. Agave. più fruttosio che glucosio.
  6. Zucchero di canna. Saccarosio. Parte della melassa rimasta nel processo di raffinazione è aggiunto allo zucchero dopo che è stato lavorato, lasciando quello colore già scuro e una minore presenza di nutrienti.
  7. Zucchero bianco. Saccarosio. E’ lo zucchero più utilizzato e si scioglie bene nelle bevande, calde o fredde ed è perfetto per fare dolci.E’ inoltre il più lavorato chimicamente.
  8. Dolcificanti (aspartame). Sostituto artificiale. Paradossalmente privo di zuccheri e senza calorie. Si tratta però di sostituti realizzati chimicamente, non di vero cibo. L’aspartame inoltre è inserito nella lista di potenziali elementi cancerogeni.