Insalata detox + zuppa di primavera per una pelle luminosa

,
fitinhub
Seguici su

fitinhub

Squad - Fit In Hub at Fit In Hub
Portatrice sana di info su Fitness, Activewear, Ricette Alternative e Beauty
fitinhub
Seguici su

Gli ingredienti dell’insalata detox accompagnata alla zuppa di questa ricetta ti regalano dei benefici sulla pelle che nessun altro prodotto di bellezza potrà darti. Il piatto sollecita l’attività disintossicante e dona alla pelle luminosità.

insalata detox

insalata detox + zuppa di primavera per una pelle luminosa

INGREDIENTI INSALATA DETOX per 4/6 persone:

Per la zuppa di primavera:

  • 1 cucchiaino di burro organico con erbe
  • 2 porri, bianchi croccanti, tritato
  • 3 spicchi d’aglio, tritati
  • 100 gr Funghi cremini, tritati
  • 100 gr  funghi shiitake, steli rimossi e tritati
  • piccola manciata di timo fresco
  • 6 tazze brodo oz (la preferenza del vegetale o brodo di ossa)
  • sale non raffinato e pepe nero appena macinato

Per l’insalata detox:

  • 4 manciate di foglie di verdura verde a tua scelta (rucola, spinaci…) spezzettate con le mani
  • 2 indivia, tritate grossolanamente
  • 1 mazzo di asparagi, circa 16 steli, estremità dure rimosso, tritate grossolanamente
  • succo di 1 limone
  • 3-4 cucchiai di olio d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio, tritato
  • sale non raffinato e pepe nero appena macinato

INDICAZIONI:

Per la zuppa di primavera:

  1. In una grande pentola, sciogli il burro e soffriggi i porri fino a che sono morbidi e dorati, circa 5 minuti. Aggiungi l’aglio e funghi e cuoci fino a quando i funghi si riducono, per circa 5 minuti in più. Aggiungi il brodo e le foglie di timo, scarta i gambi e porta lentamente a ebollizione. Condisci con sale e pepe e servi.

Per l’insalata detox

  1. In una grande ciotola, mescola le verdure a foglie verdi che hai scelto di usare e l’indivia. Dividi in 4 porzioni e ricopri con asparagi. In una piccola ciotola, sbatti insieme succo di limone, olio d’oliva, aglio, sale e pepe. Versa con un cucchiaio sopra l’insalata e servi accanto alla zuppa.

Source: Thechalkboardmagazine